Lady Mari Ristorante Prignono Cilento
elysium for you piscina agropoli
Agropoli Booking
Ristorante Palazzo Dogana Resort Agropoli
Cilento Vacanze Portale Turistico
virtual tour di google
Trefriends Agropoli
Dottoressa Stella di Sessa Nutrizionista

IL DEPUTATO GRILLINO DI SALERNO HA QUERELATO RENZI/VIDEO

“Ho dato mandato al mio avvocato di procedere nei confronti del signor Matteo Renzi, segretario del Partito Democratico.Vi chiedo di condividere questo filmato per contrastare l’ennesima menzogna contro me e il M5S”.Lo afferma in un video su facebook il deputato M5S e membro del Copasir Angelo Tofalo spiegando come, nel corso della puntata di Otto e mezzo di mercoledi’ scorso, Renzi “per giustificare i drammatici risultati del suo governo rispetto al tema dell’immigrazione, ha pensato di raccontare assurde bugie a milioni di italiani”.Il tema e’ quello dell’inchiesta sul traffico di armi in Libia e Iran, caso che ha visto Tofalo coinvolto come persona informata dei fatti per via di un suo incontro con il leader libico Khalifa Al-Ghweil.Renzi, ricorda Tofalo nel video, in tv ha affermato: “Voi vi sentite piu’ tranquilli ad avere al Viminale un signore che si chiama Marco Minniti, o ad avere uno che si chiama Luigi Di Maio, o l’esperto di Sicurezza dei 5 Stelle che si chiama Tofalo, che e’ andato in Libia a trattare con la parte sbagliata e non se ne era accorto che erano con i trafficanti, contro il Governo libico e contro la Comunita’ internazionale”. Parole che hanno innescato la reazione del deputato M5S.“E’ inaccettabile che una persona possa raccontare pericolose menzogne e indecenti falsita’ per attaccare due componenti di una forza politica di opposizione senza alcun contraddittorio o mediazione della conduttrice”, attacca Tofalo che sottolinea: “in tutta la mia vita non sono mai stato in Libia, spero pero’ di andarci presto per festeggiare la pace di quei popoli. Non sono nelle condizioni di trattare con nessuno. I governi, i ministri trattano; i parlamentari, soprattutto dell’opposizione, ascoltano prendono nota ed interrogano il governo”.