AGROPOLI

IL MINISTRO MARTINA ESALTA SALERNO: “OTTIMO ESEMPIO PER IL SUD”

ministro martina-1Il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina ha visitato questa mattina il Centro Agroalimentare di Salerno. Il ministro si è detto “contento” del fatto ”che in poche settimane di lavoro si è riusciti a fissare un punto definitivo sulla annosa questione della filiera bufalina, della divisione degli impianti”.“Una grande questione – ha detto – che tenevamo aperta da 8 anni e che non si risolveva. Abbiamo fatto un buon lavoro che mette un punto fermo e che aiuta le aziende ad essere sicure di quello che devono fare”.Poi sull’Agroalimentare ha aggiunto:  “Siamo qui per dire che in questo territorio c’è un pezzo di futuro agroalimentare, non solo campano ma italiano. Ci sono produzioni di qualità, ci sono aziende che sono radicate nel territorio e aziende di eccellenza. Il nostro obiettivo fondamentale e quello di fare insieme un lavoro di squadra per aiutare queste aziende anche a creare nuova occupazione. Anche recentemente è stato certificato che l’agroalimentare italiano è l’ unico settore che ha dei segnali positivi. Dobbiamo sapere – ha aggiunto – che abbiamo diversi problemi e quindi un settore non va raccontato senza problemi”.“La filiera agricola – ha detto De Luca – è un altro comparto nel quale viviamo un momento di crisi drammatica. Si registra una forte  crisi che riguardano in particolare le produzioni bufaline e ortofrutticole. A causa dell’emergenza rifiuti, stiamo subendo una concorrenza spietata da parte del Centro-Nord, nella totale indifferenza della Regione. C’è bisogno di rilanciare le nostre produzioni, rendendo credibile il marchio, dando garanzie di sicurezza sanitaria. Questo è un altro comparto nel quale si può creare lavoro e rilanciare l’economia, ma del quale la Regione sembra non interessarsi affatto”.

ministro martina-5291 ministro martina 4

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.