AGROPOLI

IL PORTO DI SALERNO BATTE QUELLO DI NAPOLI SU MERCI E CONTAINER

Porto_Salerno_alto_costaIl Porto di Napoli continua a perdere terreno nel settore del traffico container, il più importante per la competitività del terzo millennio. Lo evidenzia il rapporto del Monte dei Paschi diSiena dal titolo “Campania: il punto sulla congiuntura e le prospettive”, che nell’analisi dell’economia regionale dedica un focus anche alla portualità. Per quanto riguarda il traffico merci e container, lo scalo di Salernoregistra percentuali di incremento nettamente superiori a quelle del capoluogo campano.
La quota di mercato campana del traffico container italiano è calata negli ultimi 10 anni di circa 3 punti percentuali (dal 10,3% del 2001 al 7,4% del 2013), secondo i dati di Assoporti e Unioncamere Campane e, sottolinea il rapporto, “tale calo si può imputare al mancato adeguamento dell’infrastruttura del porto di Napoli al fenomeno del gigantismo navale, che richiede terminal più lunghi e spaziosi e fondali più profondi”. Nel dettaglio la flessione del traffico container (TEU) nei porti campani, consolida la tendenza in atto dal 2008: in particolare si registra una forte flessione nel porto di Napoli (-12,8% a/a) mentre in quello diSalerno si registra un interessante aumento (+26,3% a/a) che non compensa la flessione in valore dello scalo napoletano. In generale, nel 2013, la maggior parte dei porti del Mezzogiorno ha fatto registrare un calo del traffico merci: in controtendenza sono gli scali diSalerno e Napoli che registrano una crescita (rispettivamente +7,8% anno su anno e +1,8% a/a). I due porti campani registrano però una flessione sul trasporto passeggeri. In particolare spicca la forte crisi di Napoli che fa registrare un -6,8%, anche se resta il più frequentato del Mezzogiorno.
Secondo lo studio Montepaschi, il Mezzogiorno nel complesso fa registrare un livello di infrastrutture inferiore a quello medio nazionale per tutte le tipologie di infrastrutture di trasporto. Sopra i dati medi nazionali spiccano i valori della Campania, che ben supporta il sistema produttivo e turistico, con la sola eccezione per il dato riferito al trasporto aereo (45,6 vs 100 dell’Italia) dove si potrebbero intravedere delle ulteriori opportunità di nuovi investimenti a supporto anche del turismo proveniente dall’estero.

Fonte ANSA

 

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.