AGROPOLI

INCREDIBILE HANNO FATTO ESCLUDERE LA GELBISON DI ANTONIO VALIANTE,MOTIVI POLITCI O NEGLIGENZA? LA SQUADRA VA RIAMMESSA

LOGO-GELBISON-1Ora vogliamo la verità. Aver fatto finire il calcio a Vallo della Lucania e ridurre il tutto in uno scontro da palio del Ciuccio come nell’antica tradizione di Cuccaro Vetere è operazione di borgo e non certo degna di una città importante come Vallo della Lucania.La Gelbison di Antonio Valiante il potente politico di Cuccaro il quale muoveva le fila attraverso il suo fido Agostino di Spirito è cosa nota, è stata dichiarata inadempiente ed esclusa dalla serie D e da qualsiasi campionato. La notizia arrivata come un fulmine a ciel sereno mentre la società aveva appena fatto il nuovo direttivo e il nuovo organigramma nel quale però non figurava Agostino Di Spirito dimessosi qualche giorno fa per effetto della nuova geografia societaria che vedeva primeggiare i nemici politici di Antonio Valiante e cioè l’attuale amministrazione comunale del sindaco Aloia oltre alla banca e ad un gruppo che avrebbe assicurato il calcio a Vallo a buoni livelli. Per quale motivo la Gelbison è risultata non idonea all’iscrizione? Cosa è successo? Di Spirito sapeva che la situazione era compromessa a tal punto? E Noce dov’era? Dal punto di vista pratico a  condannare la società la mancata iscrizione telematica nei termini previsti dal regolamento.Chi ha fatto questa iscrizione o meglio chi doveva farla?E come mai non si è prodotto nessun ricorso una volta saputo che l’iscrizione non era andata a buon fine? Bene i responsabili vengano fuori al più presto e Vallo sappia chi deve condannare per questo danno fatto non solo alla città ma al  cilento,alla provincia di Salerno al calcio in generale perchè la Gelbison è sempre stata esempio di correttezza e serietà.Detto questo poi ci chiediamo,una città può perdere il calcio per un’inadempienza di così poco conto?Bisogna rifare le regole,riammettere la Gelbison e salvare le città e i tifosi le vere vittime di questo sistema calcio ormai logoro e allo sbando.Invece di avvicinare la gente al calcio l’allontaniamo con una serie di provvedimenti come questo che va a penalizzare l’unica componente importantissima la gente e le città.Adesso vi è un’unica strada percorribile, ossia il ricorso d’urgenza al Collegio di Garanzia del Coni, che potrebbe rappresentare l’ultima ancora di salvezza per il club del Vallo della Lucania. Vallo della Lucania non merita di essere esclusa dal campionato,riammettetela.Sergio Vessicchio WWW.CALCIOGOAL.IT WWW.SPORTFOREVER.IT

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.