AGROPOLI

LA DIFESA DELLA FAMIGLIA CHE NON C’E’ PIU’,ADINOLFI PRESENTA AD AGROPOLI E SALERNO IL SUO DISCUSSO LIBRO

adinolfiSALERNO. Dopo presentazioni in tutta Italia, mai passate inosservate – nelle quali ha raccolto consensi, ma anche feroci critiche, tanto dalla politica di destra quanto da quella di sinistra, dal mondo cattolico come da quello laico – approda a Salerno il giornalista Mario Adinolfi. Il noto blogger italiano, pronto a tenere a battesimo il nuovo quotidiano “La Croce”, sarà in città domenica per presentare il suo ultimo libro, “Voglio la mamma”.Si tratta di un testo autoprodotto, incentrato sul caos etico e sulla difficoltà a parlare di certi temi non “politicamente corretti”. A cominciare dal titolo del testo che parte dalla considerazione che “la mamma, nutrimento anche retorico di un familismo non sempre progressista, non si poteva toccare. Ora no, ora guai a dire mamma. Ora hanno cominciato a spiegare che la mamma non esiste più, esiste il genitore uno e il genitore due».Adinolfi non ha paura di muovere le sue critiche dall’interno del suo stesso schieramento politico: «Chi è di sinistra non priverebbe mai un soggetto debole, debolissimo come un bambino del suo diritto a chiamare mamma». Al centro del libro ci sono la famiglia e la persona umana, «troppo spesso ridotta ad oggetto di consumo e soggetta alla leggi del mercato». Le persone non sono cose: è proprio questo il tema dominante dell’impegno attuale di Adinolfi, spesso affiancato da Costanza Miriano e Padre Maurizio Botta. Un tema che riconduce ad unità argomenti solo apparentemente diversi quali aborto, utero in affitto, adozione da parte di coppie omosessuali. Non mancano i riferimenti all’eutanasia, «tanto più condannabile – scrive Adinolfi – quando applicata sul nascituro, secondo i criteri di una vera e propria selezione genetica».Adinolfi, domenica alle ore 18, interverrà presso il salone conferenze dell’Istituto Salesiano S. Domenico Savio (ingresso da traversa di Via Del Carmine) di Salerno. La mattina dello stesso giorno, alle 11, sarà in Piazza della Repubblica ad Agropoli, presso l’Oratorio Giovanni Paolo II. Un doppio appuntamento, quindi, che offrirà lo spunto per un dibattito a tutto tondo sui temi trattati, oltre gli steccati religiosi e politici. «Un’opportunità di riflessione e di confronto – spiegano gli organizzatori dell’apposito comitato – particolarmente utile, e consigliata a chi desidera farsi un’opinione intorno a temi cruciali, troppo spesso affidati agli stereotipi ed alle logiche di corrente». All’incontro del capoluogo parteciperà monsignor Luigi Moretti, arcivescovo di Salerno-Campagna-Acerno.Paolo Romano

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.