AGROPOLI SPORT

L’AGROPOLI E’ UN PORTO DI MARE, LINGENTI VA CACCIATO SUBITO

L’Agropoli è un porto di mare,e tutto questo è dovuto alla presenza di questo Francesco Lingenti che insieme al suo allenatore Ferazzoli stanno portando scompiglio anche se si dice che anche l’allenatore lo avrebbe scaricato.Ormai l’Agropoli è diventato il parcheggio per le marchette di Lingenti i cosidetti calciatori sponsor.

 

Un mercimonio attorno all’Agropoli di cui sentiamo la puzza lontano un miglio.Proclami,annunci e dichiarazioni di rose al completo,gruppo ben affiatato,salvo uscirsene l’allenatore che manca una punta.E Vekic? Che fine ha fatto l’attaccante annunciato poco tempo fa?Anche questa è l’ennesima figura di merda di Lingenti che dopo essere passato da direttore sportivo a direttore tecnico, per poi finire a consulente di mercato,ci aspettiamo si faccia nominare magazziniere o massaggiatore pur di restare dentro l’Agropoli per fare le sue marchette accompagnate da tanto di selfie.Il gioco è sgamato con tante testimonianze che stanno arrivando in redazione da ogni parte dell’Italia.

 

L’Agropoli ha preso il peggio in assoluto,e Taccone questo ancora deve capirlo.Ma la vergogna è presente anche sui campi di allenamento con 50/60 persone che hanno affollato l’impianto di gioco di Manocalzati.Un porto di mare con gente che va e gente che viene con la maggior parte composto da stranieri.Pullman di giocatori che arrivano da ogni dove per sostenere provini,uni schifo inaudito.

 

Lingenti va cacciato subito e questo l’ha capito anche il sindaco Coppola che non sopporta la presenza di questo faccendiere.Bisogno l’ha delegittimato e messo alla porta da tempo,ora sta a Taccone e alla piazza di Agropoli prendere provvedimenti.Sergio Vessicchio

Nella foto il sindaco Adamo Coppola  e Ligenti,il primo cittadino di Agropoli ne ha chiesto l’allontanamento immediato

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.