AGROPOLI

MONTECORICE,BRANCO DI CINGHIALI TENTA DI AGGREDIRE DUE TURISTI SALERNITANI AD AGNONE

CINGHIALE 1
Il luogo dove è avvenuto il tentativo di aggressione

Serata di paura per due turisti salernitani. Erano ad Agnone quando, nel breve tratto che separa il parcheggio dalla loro casa, hanno inizialmente udito dei passi tra la vegetazione, poi sentito un odore forte ed infine visto 7 cinghiali, in fila indiana, che percorrevano il sentiero che dalla montagna porta alla strada. Il cinghiale capofila, il più grande, ha incrementato il passo inseguendo i malcapitati che intanto guadagnavano la portiera dell’automobile. Il forte odore lascia pensare che il cinghiale più grande fosse una femmina in calore ed i più piccoli i cuccioli. Onde evitare che la macchina potesse essere oggetto di attacco degli animali, i salernitani si sono allontanati lasciando dietro di loro la femmina di cinghiale che intanto attraversava la strada e rimaneva in un posto pianeggiante. Il cinghiale, visto a distanza, è rimasto lì per una decina di minuti salvo poi scomparire tra la vegetazione. Si tratta dell’ennesimo caso dovuto dall’eccessivo numero di animali che il Parco Nazionale del Cilento ospita: i cinghiali, per trovare cibo, si spostano nei pressi delle abitazioni mettendo in serio pericolo l’incolumità dei presenti.CINGHIALE 2

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.