AGROPOLI

MONTECORICE,IL SACERDOTE CHIUDE LA CHIESA A COSENTINI E LE CONFRATERNITE RIMANGONO FUORI E’ BUFERA

CHIESA COSENTINI E’ tradizione per le confraternite del Cilento di andare in visita agli Altari della Reposizione (Sepolcri) delle chiese alle pendici del monte della stella ogni venerdi’ Santo. Ogni confraternita a sera tardi generalmente fa rientro nella sua parrocchia per fare la sua funzione, dopodichè la chiesa si svuota e si va tutti a casa. Generalmente la confraternita della parrocchia è sempre l’ultima ad arrivare per permettere alle altre cofnraternite di poter visitare il sepolcro e fare la propria funzione. Nella Chiesa madre della Socia invece (Cosentini) nel comune di Montecorice, il parroco Don Massimo Volpe ha chiesto alla sua Confraternita di Cosentini di CONFRATERNITAnon fare più tardi delle 21:30 perchè dopo avrebbe chiuso la chiesa ed infatti appena la confraternita di Cosentini ha finito la funzione sono state sbarrate le porte a due confraternite che aspettavano fuori, vale a dire quella di Fornelli e di Ortodonico il cui parroco è lo stesso Don Massimo Volpe. Nonostante le proteste sia della gente sia delle Confraternite sbattute fuori, il parroco è stato irremovibile e non gli ha permesso l’ingresso. Per la gente del posto molto legata a questi riti e tradizioni questo è  stato un grave affronto alla storia, alla cultura, alle tradizioni. Il parroco è da anni in contrasto con alcuni parrocchiani sia di Ortodonico sia di Fornelli sia di Cosentini e,secondo molte tesi, fa ricadere questa guerra sulle Confraternite. Immediata è arrivata la solidarietà delle altre confraternite.Una lunga querelle che si trascina ormai da tempo e che ripropone lo scontro del 1988 quando Don Salvatore Della Pepa sempre in quell’area a Fornilli si rifiutò di fare la processione.Sergio Vessicchio

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.