AGROPOLI

NOCERA,SEVIZIATA E UCCISA UN PROSTITUTA

20140531-045938-17978267.jpg
È stata trovata morta, seminuda, con un piede del letto infilato nella bocca. Le cause della morte andranno accertate con l’autopsia, ma gli inquirenti seguono la pista dell’omicidio nell’inchiesta sul decesso di M. A., la prostituta di 74 anni il cui corpo è stato ritrovato in una baracca in un luogo isolato della zona industriale di Nocera Superiore, a circa 150 metri in linea d’area dalla stazione di servizio Alfaterna della A3 nel tratto Napoli-Pompei-Salerno.
Il corpo di M. è stato ritrovato da una sua collega, un’altra lucciola che usava la stessa baracca per avere prestazioni sessuali a pagamento. Il cadavere era riverso a terra, seminudo, indossava solo una gonna, ma in bocca aveva conficcato il piede di una rete metallica sulla quale era adagiato il materasso. Sul corpo della vittima nessun segno di violenza, solo qualche lievissima ecchimosi che sicuramente non avrebbe potuto causare il decesso.
Al momento, la morte di M. è avvolta nel mistero che sarà risolto solo con l’autopsia. Sta di fatto che chi era con lei in quella capanna, prima di fuggire via, ha sollevato la rete del materasso e le ha conficcato nella bocca un piede metallico. In queste ore gli investigatori lavorano sulle poche cose ritrovate in quella capanna, realizzata con delle tavole di legno e avvolta da alcuni tendoni per assicurare la privacy. Sul posto, non appena scattato l’allarme, sono giunti i carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore ed i colleghi del comando provinciale di Salerno per i rilievi scientifici, che hanno lavorato fino a sera per risalire all’omicida.
M. A. in quella zona lavorava di mattina, nel pomeriggio a darle il cambio giungeva la collega che quest’oggi ha effettuato il ritrovamento, avvisando i carabinieri. Le indagini coordinate dal pm della Procura della Repubblica di Nocera Inferiore, Giuseppe Cacciapuoti, sono indirizzate negli ambienti della prostituzione, ma soprattutto si tenta di fare chiarezza ed individuare i frequentatori di quella zona.
Nel 2010 un’altra prostituta venne uccisa nella sua abitazione. Santina Rizzo, 63 anni, prima fu strangolata e poi colpita con delle forbici. I carabinieri in pochi giorni risolsero il caso arrestando l’omicida. Il cadavere della 74enne è stato trasferito nell’obitorio dell’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, dove il medico legale Giovanni Zotti, effettuerà nei prossimi giorni l’esame autoptico. La data ancora non è stata fissata. (ANSA)

20140531-050011-18011696.jpg

20140531-050012-18012043.jpg

20140531-050011-18011837.jpg

20140531-050012-18012209.jpg