AGROPOLI

AGROPOLI,NOTTI BLU,CARNEVALI E FESTE PATRONALI,MA LAVORANO SEMPRE GLI STESSI

pierluig iorio
PIERLUIGI IORIO
umberto-anaclerico-3
UMBERTO ANACLERICO

L’amministrazione comunale di Agropoli va elogiata per l’enorme impegno che mette per creare le condizioni ideali affinchè possa girare l’economia e far ruotare anche il turismo intorno a proposte molto importanti sotto l’aspetto del richiamo.Purtroppo però da tempo accade che molte professionalità presenti n città non vengono tenute n considerazione. La notte blu che è appena andata in archivio ha visto la partecipazione di tantissime persone tra il lungomare san Marco e via Risorgimento ma  a parte il teatro nazionale dei burattini,e la stupenda voce di Fabio Castelnuovo e Rosaria Pumpo  e i fuochi finalmente sparati sul molo del lido azzurro le persone non hanno potuto apprezzare altro. Troppo povera la proposta e sempre la stessa. Vabbè fa niente tutto fa brodo. Ad Agropoli copiose sono le kermesse  che si alternano di mesi in mese. Ci chiediamo come mai nelle tante manifestazioni si tengono fuori  personaggi come Umberto Anaclerico,Pier Paolo Iorio,un manager come Italo Santoro,i fratelli Speranza,Ernesto Apicella,Roberto Apicella, Pier Luigi Iorio,l’associazione  Camelot,A Toys orchestra,Emanuele Sicignano e tanti altri figli di questa città capaci di grandissimi successi fuori Agropoli e nel privato  e isolati nella loro città nella quale in tutte queste manifestazioni che si fanno potrebbero dare il loro importante apporto a tutti i livelli? Quali sono i motivi per i quali  queste persone vengono tenute fuori?Perchè i direttori artistici non coinvolgono anche questi artisti locali? Cosa si nasconde dietro questo ostracismo? Crediamo che sindaco e assessori c’entrino poco in questo,è invece possibile che qualcuno l’interesse ce l’ha eccome,e il qualcuno potrebbe trovarsi nelle stanze dei bottoni ma senza ruoli politico-amministrativo e prima o poi con le mani nella tagliola ci andrà a finire e ci farà finire anche qualche politico e qualche funzionario. Ora stanno tirando troppo la corda.Sergio Vessicchio

NON AVENDOLO POTUTO VEDERE ALL’OPERA DURANTE LE NOTTI BLU LO PROPONIAMO ORA CON LE SUE PROPOSTE SEMPRE INNOVATIVE E DIVERTENTI UMBERTO ANACLERICO


 

 

peroaolo iorio
PIERPAOLO IORIO

 

EMANUELE SICICNANO 1
EMANUELE SICINANO CON UNA DELLE SUE MODELLE
ITALO-SANTORO
ITALO SANTORO

 

RAFFAELE SPERANZA
RAFFAELE SPERANZA

 

ANTONIO SPERANZA
ANTONIO SPERANZA

 

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.