AGROPOLI

PERTOSA,S’INFITTISCE IL GIALLO SULLA MORTE DI ISABELLA PANZELLA TROVATA MORTA A CENTRO STRADA

ISABELLA PANZELLAIn atto la ricostruzione della dinamica e le ultime ore di vita della 69enne, il cui decesso può essere collocato intorno all’una di notte. L’esame esterno sul corpo non ha evidenziato lesioni compatibili con un’azione violenta, per cui è stata disposta l’autopsia dal PM intervenuto sul posto. Isabella Panzella,69 anni vedova, abitava da sola in una piccola abitazione ubicata nel centro storico di Pertosa, mentre i suoi due figli vivono rispettivamente in Germania e nel Nord Italia.Ancora da chiarire le cause del decesso sulle quali stanno indagando i Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina al comando del capitano Emanuele Corda che hanno escluso l’ipotesi di omicidio. In un primo momento si era pensato che  la morte della pensionata fosse stata causata da un’auto pirata ma, con il passare delle ore, si avanzano anche altre tesi soprattutto per il fatto che la donna indossava una tuta, dei calzini ed era priva delle scarpe.La salma ora si trova presso l’obitorio dell’ospedale “Luigi Curto” di Polla a disposizione dell’autorità giudiziaria.I Carabinieri ed il magistrato hanno ispezionato l’abitazione della donna, ubicata in via Santa Maria, a pochi metri dal municipio. Per entrare si è reso necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Sala Consilina che hanno dovuto forzare una finestra posta al primo piano della casa della 69enne. Il PM per tutta la mattinata ha ascoltato i parenti della donna ed alcuni vicini di casa.Da indiscrezioni sembrerebbe che alcuni dei traumi riscontrati sul corpo della pensionatanon siano completamente compatibili con l’investimento da parte di un’auto. In particolar modo a far nascere dei sospetti è il violento trauma alla testa che dovrebbe aver causato la morte della donna, così come anche l’assenza di escoriazioni in altre parti del corpo che invece dovrebbero esserci se la donna fosse stata investita. E poi ci sono anche altre cose che non tornano. La donna indossava il pigiama ed era senza scarpe. A ciò si aggiunge anche il fatto che la donna non aveva con sè le chiavi di casa, che sono state invece trovate all’interno dell’abitazione così come anche il suo telefono cellulare. Le scarpe invece non sono state trovate da nessuna parte. A fugare ogni dubbio sarà il risultato dell‘esame autoptico che potrebbe essere effettuato nei prossimi giorni. Gli inquirenti al momento non tralasciano nessuna pista e non si escludono a questo punto dei colpi di scena già nelle prossime ore.

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.