AGROPOLI

PRIMARIE PD MIGLIORE SI RITIRA VACCARO SI SOSPENDE

LOGO PDCon una lunga lettera aperta, il deputato del Pd Guglielmo Vaccaro annuncia la sua autosospensione dal partito in disaccordo con la scelta dei vertici di far celebrare le primarie per la scelta del candidato governatore in Campania. ”Per chi ha la mia storia e lamia formazione – scrive Vaccaro, tra i principali sostenitori della necessita’ di convergere su un candidato unitario individuato nel presidente del Cnr Gino Nicolais – l’idea che si debba essere costretti, da strategie nazionali che si sono rivelate sballate, a decidere chi sostenere tra persone (i due candidati iscritti al Pd) che non sanno cosa sia il rispetto della parola, degli impegni e dei propri doveri pubblici, è impensabile. In tanti anni di attività politica, per me iniziata come rappresentante degli studenti all’università, non ho mai provato un sentimento di distanza così enorme tra la mia passione politica e le possibilità concrete di lavoro e di impegno al servizio della mia terra come quello che sto vivendo in questi giorni a seguito delle incredibili vicende in cui si è venuto a trovare il Partito democratico campano”.
Vaccaro_PD-350x180Vaccaro individua nei vertici locali del partito i responsabili della gestione del caso primarie: ”Una Segreteria Regionale incapace– osserva – ha condotto in un vicolo cieco un partito sordo ad ogni monito della società regionale. Le primarie per la scelta del competitore di Stefano Caldoro si celebreranno con un duello finale tra un amministratore condannato ed un impresentabile, come ci ha ricordato Roberto Saviano qualche mese fa. Due persone che conosco bene e dalle quali non comprerei una macchina usata, per dirla all’americana. Non so chi prevarrà, so però chi ha già perso: il Pd di Renzi ed il Pd delle persone che vogliono un cambiamento. Questo massacro di ogni e qualsiasi aspirazione al cambiamento nella nostra Regione non può trovarmi complice silente”.Di qui la decisione di autosospendersi: ”Come sapete – ricorda – in questi lunghissimi mesi, avevo lavorato a proposte alternative, quella di Angelica Saggese che d’intesa con il livello nazionale ha ceduto il passo a Gennaro Migliore ed infine la possibilità di valorizzare la disponibilità di Gino Nicolais. Tre persone capaci e perbene. Ma per motivi che un giorno Renzi dovrà spiegare e che io, fin da oggi, riesco ad immaginare si è scelto di trascurare tutto ciò. Dopo troppi rinvii e tanti errori, domenica prossima ci sarà una lotta a colpi bassi tra due personaggi che hanno vissuto una vita intera solo ed esclusivamente di politica politicante, massacrando continuamente i principi ed i valori della convivenza civile. Personalità che non hanno mai offerto esempi cui ispirare i comportamenti delle nuove generazioni. E’ il momento di dire basta, è ora – sottolinea Vaccaro – di prendere un po’ di tempo per riflettere seriamente sul senso dell’impegno politico in questa regione ed in questo partito. Inizia una fase di riflessione lunga e libera che per serietà deve essere accompagnata da un’autosospensione dal Partito Democratico”.“A giugno – spiega Vaccaro chiarendo i termini della sua decisione – in un incontro con gli amici ed alla luce di quanto sarà accaduto nei mesi che verranno, valuterò se ci saranno le condizioni per riprendere il mio impegno all’interno del Pd, il partito nuovo in cui ho tentato invano di affermare una possibilità diversa di costruzione della proposta politica. Nel recente passato il tempo mi ha dato ragione sulle mie prese di distanza ferme e radicali nei confronti di De Mita e di Bassolino. Con la fine di quei cicli credevo si potesse ricominciare subito a costruire invece è ancora il tempo di aspettare per il centro sinistra campano un futuro migliore”. ”Il tempo nuovo – conclude la sua lettera il deputato campano considerato vicino alle posizioni di Enrico Letta – arriverà con ogni probabilità dopo le regionali di Maggio, da allora in poi riprenderà un cammino unitario. Da oggi e sino ad allora, si combatterà una battaglia tattica nella quale sosterrò ogni valida alternativa. Di fronte alla miseria ed al rischio di tutto ciò che il Pd locale ha prodotto, io non ho dubbi; so con chi non posso stare. Il resto si vedrà! Alea Iacta Est”. L’autosospensione di Vaccaro fa seguito all’addio al Pd annunciato ieri dall’europarlamentare napoletano Massimo Paolucci, anche lui contrario allo svolgimento delle primarie.

Gennaro Migliore si ritira, restano in quattro

miglioreIn fin dei conti, la scelta “migliore” è il ritiro. Il gioco di parole ci sta tutto, perché è quanto si sono detti oggi, in un faccia a faccia a Roma, Matteo Renzi e Gennaro Migliore. L’ex vendoliano, dopo aver collezionato da domenica sera ad oggi una serie di porte in faccia dai notabili del Partito Democratico campano, ha preferito tirare i remi in barca e concordare con il premier una via d’uscita dignitosa. Dunque la corsa alle primarie si farà a quattro: in pole position i Pd Vincenzo De Luca ed Andrea Cozzolino; gli outsider sono il socialista Marco Di Lello e l’Idv Nello Di Nardo.Ma le acque restano agitate, anche dopo l’estremo, disperato tentativo di delegittimare la consultazione popolare con i venticelli sugli accordi trasversali ed i presunti abbracci colerici che alcuni candidati starebbero facendo con esponenti del centrodestra ed ex cosentiniani in particolare. Ad uscire allo scoperto è stato l’europarlamentare Massimo Paolucci, che ha annunciato le dimissioni da Pd «perché – ha detto- tanti sanno che le primarie saranno un replay peggiore di quelle svolte nel 2011. Tanti sanno che si va incontro a un disastro annunciato.Tanti sanno che si stanno spendendo montagne di soldi. Tanti sanno che si definiscono accordi con interi settori del centrodestra, con i protagonisti della stagione cosentiniana. Tutti, tanti, sanno ma nessuno interviene». Parole pesanti, forse mirate a far saltare il banco in un altro modo, visto che le correnti anti-primarie non ci sono riuscite raccogliendo le firme per convocare una direzione regionale e stoppare la consultazione. Loro dicevano di avere in mano il 70% del partito democratico campano, ma le firme non sono mai apparse sul documento anti-primarie. E se il segretario regionale del Pd, Assunta Tartaglione, ricorda che vanno rispettate le regole, c’è chi rimane convinto che il primo marzo si voterà comunque. Ma ciò non esclude eventuali, successivi colpi di scena.

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.