AGROPOLI

REGIONE,GAMBINO TORNA E ADERISCE A FRATELLI D’ITALIA: “IN FORZA ITALIA BRINDISI AL MIO ARRESTO”

gambinodue-koND--401x175@CormezSALERNO – Gambino torna a Palazzo Santa Lucia da consigliere regionale, dopo la sospensione di 18 mesi per una condanna in primo grado per peculato, e aderisce a Fratelli d’Italia. E nel suo discorso di rientro lancia dure accuse nei confronti di Forza Italia, suo ex partito dal quale è stato rinnegato dopo un documento firmato da due senatori, due sindaci e un nutrito gruppo di dirigenti . «Negli ultimi cinque anni il mio partito, Forza Italia, nel frattempo ritornato tale dopo la suddivisione del Pdl, non mi ha chiesto neanche come stavo, cosa avevo intenzione di fare, come vivevo questi momenti drammatici – ha detto Gambino in consiglio – il partito salernitano è stato consegnato, sempre e solo dall’alto, nelle mani di quegli stessi che all’atto dell’arresto brindarono e che in questi cinque anni non hanno mai perso l’occasione per gettare fango su di me o per bearsi della frase: “tra Gambino ed i carabinieri, io sto con i carabinieri”». Poi l’ulteriore polemica: «Sono rimasto sinceramente sconvolto quando ho potuto leggere sui giornali,alcuni giorni fa,un comunicato del coordinamento provinciale salernitano di Forza Italia il cui contenuto si fondava su una “mia dichiarata adesione a Forza Italia”. Sono rimasto sconvolto non perché per la prima volta nella storia politica e partitica un comunicato di tale gravità e durezza è stato firmato non dal Coordinamento Provinciale ma nominalmente da singoli componenti di esso, non perché manca la firma del coordinatore provinciale, non perché attribuisce la conoscenza del mio reintegro ai giornali quando invece esso era ben noto derivando da un decreto dei cui effetti aveva beneficiato una dei firmatari , ma solo ed esclusivamente perché “io non ho mai dichiarato alcuna adesione a Forza Italia” né mai l’avrei potuta fare e questo solo ed esclusivamente per ragioni politiche che mi vedono lontano ormai dai valori e dai comportamenti, politici, che questo partito oggi rappresenta.