AGROPOLI

SALERNO,AMATRUDA SPACCA IL CENTRO DESTRA

amatruda caldoroGaetano Amatruda, giornalista, portavoce dell’ex presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, è il candidato sindaco di Salerno indicato da Forza Italia, Nuovo Psi, Noi con Salvini e Rivoluzione Cristiana. Sulla candidatura di Amatruda c’è la precisazione di Raffaele Adinolfi coordinatore cittadino di Forza Italia: «Nella qualità di coordinatore cittadino di Forza Italia sono costretto a precisare che il testo del comunicato stampa che annuncia la candidatura di Amatruda non riflette pienamente le decisioni assunte nella riunione di ieri sera e non è stato condiviso questa mattina come invece si era concordato.Non si tratta di una presa di distanza da Gaetano Amatruda, la cui proposta discuterò nel direttivo di mercoledì sera, ma da un vecchio modo di far politica giocando con la comunicazione. Nè il coordinatore, nè il coordinamento cittadino possono essere ‘scavalcati’ dal portavoce provinciale con comunicati non condivisi. Sono sicuro che la circostanza non tradisce una disattenzione ma nasconde la volontà del portavoce di assumere il ruolo di responsabile elettorale per Forza Italia. Ruolo che peraltro nessuno gli contende e che io stesso sono certo gli verrà riconosciuto dal direttivo cittadino e dal coordinamento provinciale».La replica di Gigi Casciello,Portavoce provinciale Fi Salerno non si è fatta attendere: «Sono felice che Raffaele Adinolfi ribadisca il suo consenso alla candidatura di Gaetano Amatruda. Si sarà però distratto perché nella riunione di sabato sera nella sede di Noi con Salvini, sono stato delegato con il candidato Gaetano Amatruda e Sergio Valese a scrivere il comunicato che è stato comunque approvato dai vertici provinciali dei partiti firmatari. Preso dall’entusiasmo della ritrovata unità del centrodestra non ho pensato di sottoporre a Raffaele Adinolfi la nota che riporta fedelmente quanto deciso e unanimemente concordato nella riunione».Duro il commento di Antonio Roscia Presidente Club Forza Silvio Salerno: «La scelta di Gaetano Amatruda quale candidato Sindaco di Salerno per Forza Italia investe una persona per bene e di qualitá, che tuttavia io non sosterrò come mia.Amatruda, non più di qualche mese fa, aveva lanciato un suo modello unitario dell’area socialista invocando Enzo Napoli quale candidato Sindaco.
Amatruda dunque voleva come Sindaco una persona di sinistra scelta da De Luca.
Amatruda oggi si candiderebbe contro la stessa persona di sinistra che avrebbe voluto ieri come Sindaco.E questo in nome di Forza Italia?A Salerno, è stata siglata la morte politica di Forza Italia.
Francamente ritengo inaccettabile che Forza Italia Salerno non abbia ritenuto di dover candidare un suo iscritto mentre invece accetta di candidare un esponente di un altro Partito, il Nuovo PSI.
Non c’era nessuno in Forza Italia meritevole di candidatura?Si continuano a mortificare regole, statuto, dirigenti locali, uomini e donne di Forza Italia che buttano il sangue dalla mattina alla sera per il Partito a Salerno mentre da Roma si impartiscono ordini e comandi con logiche patrocinate ed equilibri a scacchiera.Oggi Salerno comprende meglio le ragioni dolorose che mi portarono alle dimissioni da Coordinatore cittadino quasi un anno fa e che portarono, insieme a me, tanti uomini e donne a tracciare una alternativa vera per Forza Italia qui a Salerno e provincia.
Una strada amara che mi costò molto,  dopo aver dato l’anima a Forza Italia, ma anche una scelta di dignitá che mi rende orgoglioso e libero».FONTE SALERNO NOTIZIE

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.