AGROPOLI

SALERNO,CAMMAROTA SI PRESENTA: “SARO’ UN SINDACO IMPEGNATO E DISPONIBILE,IL MARE LA NOSTRA GRANDE RISORSA DA VALORIZZARE”

 

CAMMAROTANel corso di una affollata conferenza stampa il candidato sindaco Antonio Cammarota ha presentato, dopo il programma “La Città del Lavoro”, “La Città del Mare”, un nuovo progetto articolato e puntuale: “Noi non parliamo di politica politicante ma di cose concrete” ha chiarito subito Cammarota, per il quale è “importante la Stazione Marittima, ma il fronte del mare va rivisitato in chiave partecipata e sociale nel solco dell’identità, della tradizione e dell’innovazione”. Siparietto con i giornalisti proprio sulla recente inaugurazione dell’opera di Zaha Hadid: “Una conchiglia che si apre solo in campagna elettorale ma poi si chiude”.  Poi il noto avvocato salernitano, che nella sua corsa verso il Comune sarà sostenuto dalle liste civiche La Nostra Libertà e Cammarota Sindaco, ha illustrato nei dettagli una serie di proposte volte a valorizzare il mare che bagna la costa salernitana.Il progetto “Idem Urbem, da Piazza della Concordia a La Carnale” che prevede una riqualificazione urbana in continuità con il lungomare salernitano, urbanistica sociale, servizi; la creazione a Torrione, precisamente all’altezza dell’Ostello della Gioventù, e in via Leucosia a Mercatello di uno spazio naturale simile a oquello dell’arenile di Santa Teresa; la copertura con strutture in legno, sempre come per l’arenile di, Santa Teresa dal lungomare alla scogliera, all’altezza dell’Embarcadero, con spazi, solarium, chioschi, ristoranti, servizi. E ancora: taxi boat, pescaturismo, porticcioli per piccole imbarcazioni private gestiti da cooperative di giovani con prezzi sociali dal fiume Irno fino allo stadio Arechi.  Cammarota si è soffermato anche sulla possibile organizzazione di grandi eventi estivi, alcuni già proposti negli anni scorsi in consiglio comunale nell’ambito delle Luci d’Artista. Un torneo mondiale nel golfo di Salerno con lotteria nazionale (Fuochi d’Artista); la Regata Storica San MatteoSalerno in Fiore con Mostra della Minerva in tutta la città, la riqualificazione del lungomare, il ripristino della antica fontanella in tozzetti di ceramica vietrese; la Festa del Mare, con l’esposizione di prodotti salernitani legati al mare come la fiera del Crocifisso; un River Writing,  il lungofiume come in altre città per esposizioni (hobbisti, artisti di strada) e campionato di graffiti.Sempre legato al mare l’avvocato salernitano immagina anche eventi sui rioni collinari e la riqualificazione dei belvederi per promuovere la panoramica di Salerno; un bando pubblico sociale per affidare a privati cittadini la gestione di 100 angoli della città del mare (I cento angoli in fiore); la riqualificazione delle strutture balneari perché “i gestori non investono perché le concessioni sono limitate”, quindi regia in mano pubblica per favorire investimenti a lungo termine e riqualificare l’offerta mare in maniera organica e unitaria. Altro tema, che da anni è diventato un problema molto sentito dai bagnanti, è la pulizia del mare. Per questo Cammarota propone “l’attivazione di controlli sulla salute del mare con la Capitaneria, boe con sensori, controlli diffusi”; ma anche servizi sociali con il carcere e i centri di accoglienza per la pulizia delle spiagge libere. Per quanto riguarda l’industria nautica Cammarota inserisce nel suo programma un Polo della Cantieristica Navale, simile alla fiera internazionale della nautica come Genova.Gli ultimi due progetti riguardano l’istituzione di una area di fermata all’interno del porto e sotto il viadotto per i mezzi pesanti evitando l’intasamento di via Gatto e il completamento del braccio di sovraflutto per 700 metri con  la messa in sicurezza del porto di Piazza della Concordia e del lungomare salernitano. Alaggio gratuito.

 

 

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.