AGROPOLI

SALERNO,DE LUCA CHIESTI TRE ANNI,CANTONE: “SE CONDANNATO VERRA’ SOSPESO COME DE MAGISTRIS”

CANTONE
CANTONE PD

«Ho letto sui giornali della vicenda di De Luca, se ci sarà la condanna ci sarà la sospensione». Non entra nel merito Raffaele Cantone commentando la richiesta di condanna da parte dei pm nei confronti del sindaco di Salerno Vincenzo De Luca per la vicenda del termovalorizzatore.Pensando a Napoli, invece, il presidente dell’autorità nazionale anticorruzione, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano se la sospensione di De Magistris avesse già avuto effetti deleteri sulla città, ha detto: «La sostituzione del sindaco con il vicesindaco – ha detto – non è un fatto capace di modificare le difficoltà di Napoli. La città vive, come altre città, un momento difficile per la crisi ma non credo che ci sia già un riflesso sulla città, siamo all’inizio della sospensione e non credo che la macchina amministrativa ne risenta».

De Luca, chiesti 3 anni per il caso del termovalorizzatore

La requisitoria del pm al processo per la nomina del project manager. E il procuratore generale invoca la conferma della decadenza da sindaco

Si è chiusa la giornata giudiziaria del sindaco Vincenzo De Luca, che era atteso da tre appuntamenti relativi alle questioni della decadenza per doppio incarico, dei lavori al Crescent e del termovalorizzatore.Nel pomeriggio, al processo penale per il conferimento dell’incarico di project manager per il termovalorizzatore al capo staff Alberto Di Lorenzo, il pubblico ministero Robero Penna ha chiesto la condanna a 3 anni del sindaco Vincenzo De Luca, dell’ingegnere del Comune Domenico Barletta, dirigente del settore lavori pubblici, e dello stesso Di Lorenzo. Il processo proseguirà il prossimo 20 novembre, quando la parola passerà agli avvocati difensori degli imputati.

 

 

 

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.