AGROPOLI

SALERNO,DUE GIOVANI RAPINATI E MINACCIATI CON LA PISTOLA E’ ALLARME NEL CAPOLUOGO

POLIZIA 1 BISSALERNO. «Guagliù, avete una cartina?». I ragazzi rispondono di no, che non fumano. «Impossibile – afferma infastidito ma sbeffeggiante il giovane scendendo dallo scooter su cui, insieme a un amico, era arrivato poco prima nei pressi del piccolo gruppo di coetanei, tutti 17enni – mi state prendendo in giro, non me la volete dare».I ragazzi ribadiscono che non sono in possesso di ciò che lui chiede, «Ci dispiace», dicono. Ma il bullo insiste fino a palesare il suo reale intento: «Ok, allora dammi il cellulare», dice a uno dei tre che ha uno smartphone tra le mani; «No», risponde l’altro. «Ma mica ti devo sparare?», afferma allora minaccioso il baby rapinatore e, nel farlo, mostra sotto la giacca una pistola bella grossa. Il colpo è servito: tra i giovanissimi ritrovatisi alla fine di un tranquillo sabato sera protagonisti di una storia davvero brutta scatta ovviamente il panico. Di fronte all’arma non possono che assecondare le richieste dei rapinatori, consegnano il cellulare e scappano via, verso le loro case, verso la protezione assicurata dai loro genitori. Dove arrivano tremanti di paura.Un sabato sera da dimenticare quello appena trascorso per tre giovanissimi residenti della zona alta del rione Carmine i quali, mentre erano intenti a concludere la loro serata con l’ultima chiacchierata all’aperto, in una zona panoramica ma non isolata del quartiere, dove spesso i ragazzi si ritrovano per trascorrere qualche ora in compagnia, sono stati avvicinati da due ragazzi poco più che loro coetanei e da loro sono stati rapinati.Una volta tornati a casa i ragazzi hanno raccontato l’episodio ai loro genitori e il giorno seguente è scattata la denuncia in Questura. Lo smatphone rubato è probabilmente perso per sempre ma la speranza che i controlli in zona aumentino dopo questo spiacevoleepisodio è viva nei cuori dei residenti che lamentano, soprattutto nell’ultimo periodo, diversi episodi di microcriminalità aventi come protagonisti proprio dei giovanissimi.

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.