AGROPOLI

SALERNO,HA IL FEMORE ROTTO MA LO RMANDANO A CASA

UGO LALICATACodice rosso al pronto soccorso dell’azienda ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona. Si supera la media di 250 accessi al giorno. Turni con poco più di dieci operatori, tra medici e infermieri a gestire il flusso dell’emergenza. Ore di attesa e file lunghissime per una diagnosi di cinque minuti. «Casi eccezionali – spiega il direttore generale Vincenzo Viggiani – e speriamo che non si ripetano».Ma intanto nel pronto soccorso preso d’assalto si moltiplicano disagi e denunce. Aspettare quattro ore per il triage e altre cinque per la radiografia. Ripetere tutto lunedì prossimo. È l’odissea dell’ottantatreenne Ugo Lalicata, salernitano, che l’altro ieri ha sofferto per ore al pronto soccorso per scoprire di avere un femore rotto, però non c’è possibilità di ricovero.

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.