AGROPOLI

SALERNO,IL PREFETTO PANTALONE HA SALUTATO VA A NAPOLI

prefettoOrgoglio per il nuovo incarico, rammarico per lasciare una città in cui si è sentita subito a casa. Il prefetto Gerarda Maria Pantalone ha voluto salutare istituzioni e cittadini con un discorso di commiato tenuto questa mattina nel salone della prefettura. Ha posto l’accento sul rapporto di collaborazione con tutte le istituzioni e in particolare con il sindaco De Luca, ha ricordato l’emergenza degli sbarchi di migranti e ha citato come momenti bui la partita Salernitana-Nocerina e i disordini alla processione di San Matteo.Ieri l’ultimo comitato per l’ordine e la sicurezza, focalizzato sul rischio terrorismo. Nel corso della riunione sono stati individuati gli obiettivi sensibili su cui potenziare la vigilanza. Il Prefetto Gerarda Maria Pantalone lascia ufficialmente Salerno. Questa mattina l’ultimo saluto a dirigenti e funzionari di Palazzo di Governo alla presenza della massime cariche civili e militari della città tra cui il sindaco Vincenzo De Luca e l’arcivescovo Luigi Moretti. All’inizio del suo discorso si è detta “emozionata, frastornata e commossa” per il nuovo incarico, affidatole dal Consiglio dei Ministri, a capo della Prefettura partenopea. “Questa nomina – ha affermato il Prefetto –  la considero un riconoscimento al lavoro che tutti abbiamo svolto insieme. Dall’altro lato sono dispiaciuta perchè lascio una comunità che mi ha accolto con tanto affetto. A loro rivolgo il mio più sentito ringraziamento. Si tratta di un popolo meraviglioso che merita di riprendersi alla grande. Sono certa che ci riuscirà. Non posso però non esortare tutti dal mantenere sempre fede ai valori di rispetto e legalità perchè episodi come la partita Nocerina-Salernitana e la processione di San Matteo hanno offeso la vera comunità di questa provincia dando una immagine che non è quella reale”.Inevitabile per Pantalone soffermarsi su quanto sta accadendo in Francia a causa del terrorismo islamico: “Sarà sempre massima l’attenzione contro il terrorismo ma non parliamo di terrorismo in merito agli sbarchi che ci sono stati sulle nostre coste. E’ ovvio – ha sottolineato –  che dopo gli attacchi in Francia, massima è l’allerta anche perchè gli attacchi sono stati compiuti per colpire l’Europa. Tutti noi dobbiamo alzare la guardia e per questo, ieri, abbiamo tenuto un comitato, per seguire le indicazioni del ministero dell’Interno in merito al piano antiterrorismo, facendo una ricognizione degli obiettivi che vanno ritenuti più sensibili”.Infine ha svelato che “ciclicamente, comunque, si fa questa ricognizione degli obiettivi che possono cambiare in base agli scenari nazionali ed internazionali. Ieri abbiamo messo a punto alcune misure di maggiore sensibilizzazione per quelle persone e quegli obiettivi che al momento richiedono una maggiore attenzione, come pure è  stata data un’attenzione a tutti gli organi di informazione perchè possano svolgere serenamente il loro compito primario che è quello di massima espressione della libertà di stampa”. Subito dopo la conferenza stampa, Pantalone ha lasciato Salerno con direzione Napoli. Al momento il nome del suo successore è ancora sconosciuto. Si attende il prossimo Consiglio dei Ministri.“

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.