AGROPOLI

SALERNO,LA MOGLIE LO ACCUSA DI PEDOFILIA IL TRIBUNALE LO ASSOLVE DOPO 9 ANNI INCUBO FINITO PER UN INSEGNANTE

TRIBUNALE DI SALERNODopo nove anni finisce il calvario per un docente di Matematica e Fisica accusato di aver abusato delle figlie in tenera età.  «Il fatto non sussiste»: con questa motivazione i giudici della Prima Sezione Penale del Tribunale di Salerno   hanno assolto il 47enne (difeso dall’avvocato Simona Sica) respingendo la richiesta del pubblico ministero Cristina Giusti che aveva avanzato dieci anni di condanna.La vicenda nasce nel 2006 quando il docente- in crisi coniugale- fu denunciato dalla moglie di abusi sessuali sulle due figlie di cinque e quattro anni (che ora hanno 12 e 14 anni). La prima indagine si concluse con una richiesta di archiviazione alla quale la famiglia di lei si oppose.Si arrivò all’incidente probatorio (nel quale le bambine non riferirono molestie subite dal padre) e all’interruzione dei rapporti (anche quelli protetti)  tra padre e figlie fino al rinvio a giudizio. Poi c’è stato il lungo processo dibattimentaleL’assoluzione giunta ieri era tutt’altro che scontata; secondo il pubblico ministero le accuse nei confronti dell’imputato, un insegnante di materie scientifiche, erano veritiere e gravi, al punto da richiedere una pena di dieci anni di carcere. Una ricostruzione che invece il Tribunale non ha condiviso, accogliendo piuttosto le tesi difensive dell’avvocato Sica e pronunciando una sentenza che assolve l’uomo con formula piena.

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.