AGROPOLI

SALERNO,LA RIVOLTA DEI COMMERCIANTI: “DIVENTIAMO ANCHE NOI ABUSIVI”

image

Esasperati per la mancata risposta delle istituzioni locali, in primis del Comune, ora gli esercenti salernitani sono pronti ad allestire in Piazza Portanova o sul lungomare un suk con i propri prodotti:“Siamo pronti a diventare abusivi”. Esplode la rivolta dei commercianti del centro cittadino di Salerno, che da tempo denunciano a gran voce l’invasione illegale di venditori extracomunitari tra i vicoli dello shopping. Esasperati per lamancata risposta delle istituzioni locali, in primis del Comune, ora gli esercenti salernitani sono pronti ad allestire in Piazza Portanova o sul lungomare un suk con i propri prodotti esposti in vendita senza alcuna autorizzazione.“Il mercato della contraffazione in provincia di Salerno sottrae al commercio regolare circa 125 milioni di euro l’anno – fa sapere il presidente dell’Anva Aniello Ciro Pietrofesa – che salgono a 250 se aggiungiamo i prodotti per la casa e la persona venduti senza autorizzazione agli angoli delle strade e le bancarelle che propinano giocattoli non a norma Ue. Siamo stanchi e ora ci faremo sentire”. Da settimane i commercianti del centro cittadino segnalano all’amministrazione comunale e alle forze dell’ordine la presenza di bancarelle abusive, teloni con esposizioni di prodotti contraffatti e venditori di calzini che infastidiscono i passanti.  Ma interventi mirati contro il commercio illegale non sono stati ancora pianificati.

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.