AGROPOLI

SALERNO,SPARATORIA NEL PARCHEGGIO DEL SEA GARDEN ARRESTATO COSTABILE VERRONE

PARCHEGGIO SEA GARDEN I carabinieri del Comando provinciale di Salerno hanno tratto in arresto l’autore della sparatoria che, nella notte tra sabato e domenica scorsa, ha visto vittima un giovane salernitano davanti alla discoteca “Sea Garden”. Si tratta del 20enne salernitano Costabile Verrone, conosciuto dalla vittima, che per motivi verosimilmente legati a pregressi rancori, ha esploso sei colpi d’arma da fuoco all’indirizzo del 24enne Armando Mastrogiovanni, ferendolo agli arti inferiori.Il fatto è accaduto poco prima delle quattro di domenica mattina. Teatro dell’episodio criminale il parcheggio della nota discoteca “Sea Garden”. Per motivi ancora in fase di accertamento, Mastrogiovanni è rimasto coinvolto in un forte diverbio con un gruppo di suoi coetanei. Quello che, a prima vista, poteva sembrare un litigio molto acceso si è trasformato ben presto in altro. Il Verrone ha cacciato una pistola ed ha cominciato a sparare. Non uno, ma ben sei colpi sono rimbombati nell’aria, rompendo la tranquillità del sonno domenicale. Uno di questi ha colpito il ventiquattrenne.Rendendosi conto di quanto era accaduto, il gruppo di aggressori si è dato immediatamente alla fuga. Il giovane è stato invece portato al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona”. Sono stati proprio i sanitari a chiamare la centrale operativa dei carabinieri per denunciare che al nosocomio era arrivato un ferito d’arma da fuoco. I militari si sono quindi recati sul luogo della sparatoria per provare a ricostruire i fatti. Sul posto è giunta un’unità della reparto Operativo, diretto dal tenente colonnello Giulio Pini ed un’altra del nucleo Radiomobile della compagnia di Salerno, guidata dal capitano Gennaro Iervolino. Dopo un attento sopralluogo dell’area sono stati ritrovati sei bossoli che i militari della Scientifica hanno individuato come compatibili con una pistola calibro 7 65. Nel pomeriggio di ieri, il giovane è stato anche sottoposto ad un delicato intervento chirurgico in quanto il contraccolpo del proiettile ha causato una frattura scomposta alla tibia, rendendo necessaria una riduzione della stessa. La prognosi di guarigione è di novanta giorni. Insomma, ancora una volta il fine settimana dei salernitani è stato sconvolto da un grave episodio di cronaca.

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.