AGROPOLI

SAPRI,LA GUARDIA DI FINANZA SCOPRE MAXI RAGGIRO

guardia-di-finanza_6_original-2SAPRI. I militari della tenenza della Guardia di Finanza di Sapri, sotto la direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vallo della Lucania, hanno concluso l’ultimo atto giudiziario della cosiddetta “operazione wedding business”, che aveva già permesso di scoprire una delle più grandi frodi fiscali nel settore dei servizi di alloggio e di ristorazione del territorio cilentano. Le indagini, coordinate dal procuratore capo Giancarlo Grippo e dal sostituto procuratore Ivana Niglio, hanno accertato numerosi reati fallimentari commessi da parte di cinque persone indagate: mediante l’occultamento delle scritture contabili obbligatorie per legge, si rendeva incerta la situazione patrimoniale del soggetto economico di riferimento, e soprattutto si occultavano i beni della società fallita, attraverso – tra l’altro – fittizie cessioni di cespiti ad altre società, tutte riconducibili alle stesse persone indagate.L’operazione trova il proprio coronamento con il recente provvedimento di sequestro di quote societarie che le Fiamme Gialle di Sapri hanno eseguito nei confronti di tre società riconducibili al maggiore indagato dell’operazione. L’attuale sequestro, di circa 70.000 euro, si aggiunge a quello di circa 600.000 euro già in precedenza operato a fronte di un’evasione di imposta quantificata in circa 6 milioni di euro.

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.