AGROPOLI

SCAFATI,PESTATO E UCCISO UN MAROCCHINO SCONFORTO TRA LA GENTE IL SINDACO ALIBERTI: “PIENA SOLIDARIETA'”

scafati

Non ce l’ha fatta il 40enne di origini marocchine rimasto vittima a Scafati di una brutale aggressione che gli è costata la vita. L’uomo ha subito un vero e proprio raid all’interno della sua abitazione in Via San Pietro dove è stato prima legato al letto e poi picchiato selvaggiamente. Ancora da chiarire le motivazioni di tanta violenza e gli autori del gesto su cui stanno indagando i Carabinieri della Tenenza di Scafati che battono tutte le piste anche quella di una “spedizione punitiva” da parte di connazionali. Sul corpo del 40enne nordafricano intanto è stata disposta l’autopsia.Relativamente all’aggressione subita da un marocchino nella sua abitazione e alla morte dello stesso, il sindaco di Scafati, Pasquale Aliberti in una nota dichiara: “Condanniamo ferocemente l’atto vile ai danni di un extracomunitario, una vicenda di cui sappiamo ancora poco. La violenza non ci appartiene, la nostra comunità ha sempre dimostrato di saper interagire con chi rispetta le nostre regole e di prendere le distanze seppur con atteggiamenti democratici da chi rifiuta di integrarsi. Piena solidarietà alla Comunità marocchina. Sabato prossimo parteciperò anche con più energia al forum promosso dalla Comunità degli immigrati presso la Parrocchia di S. Francesco per dimostrare con atti concreti la nostra vicinanza”.

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.