AGROPOLI

SIAMO A INDIETRO TUTTA ALTRO CHE AVANTI AGROPOLI di Sergio Vessicchio

DI SERGIO VESSICCHIO-Sono passati ormai due mesi dall’insediamento di Adamo Coppola e fare un bilancio fino a questo momento è difficile molto difficile anzi pretestuoso.Intanto può non interessare ma noi ad Adamo Coppola vogliamo molto bene sia sul piano personale che sotto l’aspetto politico.Certo quando lo vedemmo passare dalle fila di Forza Italia a quelle del Pd ci fece male molto male perchè il centro destra aveva molto investito su di lui  ma solo  a chiacchiere e quello che non seppero fare nella sgangherata coalizione Berlusconiana l’ha saputo fare il Pd con Cuomo prima il quale ne preparò l’ingresso e con Alfieri poi che ne ha fatto un politico importante e degno di essere il primo cittadino della città di Agropoli.Dieci anni assessore al bilancio dell’era Alfieri sono stati straordinari perchè se Alfieri ha potuto dare un impulso eccezionale  alla capitale del Cilento lo ha fatto anche grazie alla presenza di Adamo Coppola il quale ha meritato sul campo l’investitura a sindaco e ha meritato nettamente di essere eletto sindaco con quella percentuale.Siamo convinti che sarà un ottimo sindaco se mette sul campo il suo bagaglio di esperienza e di competenza,perchè il sindaco Coppola è una persona competente a tutti i livelli e crediamo sia tra i migliori sindaci della fascia costiera se si tiene conto che a Capaccio Paestum sono finiti nelle mani di Palumbo ed è tutto dire  e  Castellabate è amministrata da Spinelli e la Maiuri. La premessa è d’uopo per fotografare l’attuale momento.Adamo Coppola è partito ad handicap perchè quello che abbiamo visto in questo avvio di legislatura non può essere lui.Non ha dato continuità al lavoro che si stava facendo dando troppo peso ai risultati delle urna che gli hanno consegnato un’altra geografia amministrativa  in termini di posizioni.Bastava confermare tutti gli assessori della precedente legislatura,ne usciva solo uno per l’ingresso delle due donne,mantenere lo status precedente e tutto risultava più facile.Invece c’è stato il caos con Alfieri ormai alla regione e lui che ha stravolto tutto e così uomini che hanno dato tanto nella precedente esperienza come franco Di Biasi,Crispino tanto per fare dei nomi si trovano fuori senza poter mettere a disposizione la loro  competenza.Per Crispino la continuità è rappresentata dal settembre culturale per Di Biasi si poteva trovare un ruolo come lo ha avuto Alfieri alla regione e metterlo a lavorare per la città- E invece hanno “okkupato” le stanze,messa l’aria condizionata e bivaccano.Questo è stato al momento l’errore più grande insieme a quello di posizionare i due consiglieri di minoranza in commissioni e altri posti nel tentativo di non farsi attaccare.Dietro tutto questo tutti si sono sentiti autorizzati ad essere dei cani sciolti ed è saltato tutto con il sindaco che dalla mattina alla sera dice si a tutti,fa sempre un cenno di consenso,a qualsiasi cosa gli si dice risponde affermativamente, ne deriva che i vigili urbani hanno intensificato la loro autonomia,i funzionari fanno quello che vogliono senza avere indirizzi politici,la città è sporca perchè chi è deputato a pulirla lo fa con propri criteri personali con gli operatori del settore che invece che lavorare di notte come in tutto il mondo lavorano di giorno.La viabilità non ne parliamo è una giungla dove i cittadini fanno i leoni con auto e moto perchè la politica non interviene e via dicendo.Sta andando tutto a rotoli e se il sindaco non caccia gli artigli prima o poi la bomba scoppia.Certo la città ha avuto delle emergenze dalle quali è uscita bene grazie proprio all’istinto di Adamo Coppola e dei suoi colleghi ma è troppo poco.I provvedimenti capestro presi in questi due mesi non sono in sintonia con il recente passato e mirano ad eliminare la parola turismo dal vocabolario della città di Agropoli ma a questo punto dicano cosa vogliono fare.Adamo Coppola parlava di servizi in campagna elettorale ebbene non ce ne uno solo in città.Non funziona niente e noi abbiamo il dovere di dirlo,di evidenziarlo sapendo bene che risulta carta straccia e per fare in modo che tutto questo non possa avere peso(mentono sapendo di mentire) buttano fango su di noi.Ma ci siamo abituati,a distanza poi ci hanno dovuto dare sempre ragione.Lo sport preferito sul comune è dire: gli articoli di Sergio li scrivono  Eugenio Benevento e Franco Di Biasi. Questo perchè vi sono   lotte interne e diffamare Eugenio Benevento, il cui successo brucia  o giustificare l’isolamento a Franco Di Biasi ben sapendo che i risultati politici del Di Biasi loro non possono raggiungerli,è la cosa più facile . Tutto questo evidenzia invece le fratture interne che ci sono dopo Franco Alfieri.I fratelli Capo sostenevano che gli articoli  me li scriveva Malandrino se ne sono accorti se era così o no quando sono ritornati alla corte dello stesso Malandrino.Monica Pizza e il marito dicevano che me li scrivevano quelli dell’entourage di Eugenio Benevento per giustificare il loro approccio sbagliato e il fallimento iniziale della loro politica.Oggi è diventato il verbo  nientepopodimeno,spalancate  gli occhi,aprite le orecchie, di tal Giuseppe Di Filippo il peggiore consigliere comunale mai passato per il comune di Agropoli il quale chiama Lillo Vaccaro e dice che gli articoli ce li fa Benevento,poi fa la stessa cosa con Dino Bacco e poi dice che vorrebbe denunciarci.Da buon comunista qual’è mente spudoratamente e sa di farlo perchè da anni che scriviamo verità sulle sue attività politiche  ripetute verbalmente  anche al suo cospetto ma non sa rispondere anzi spesso ci ha dato ragione.Ma ora pur di andare contro Benevento va dicendo che ci scrive gli articoli verità.Di Filippo non si tratta di un bravo ragazzo ma di più.Una persona meravigliosa ma ha paura delle verità sulla sua politica negativa .Ha paura di sentirsi dire tutto quello che abbiamo detto da circa dieci anni(come mai prima non diceva che gli articoli ce le scriveva l’assessore Benevento)e per questo ci vede come uno spauracchio.Ad Agropoli,e non solo, non abbiamo grande popolarità anzi siamo impopolari,sappiamo di essere invisi a tutti ma che ci scrivano gli articoli non ci crede nessuno.I personaggetti alla corte di Adamo Coppola facciano altro sul comune invece pensare alle fonti degli articoli,le fonti degli articoli sono i marciapiedi,la strada,quello che si vede in giro,il disappunto della gente,il malcontento generale.Alfieri questo non lo permetteva.Lo stesso Di Filippo minaccia querele,l’intimidazione giudiziaria è l’ultima cosa che ci può far paura,aspettiamo impazienti così  tutto quello che abbiamo scritto da molto tempo a questa parte lo porteremo ai giudici, Di Filippo si chieda perchè ogni cosa che ha fatto e di cui era l’ideatore assoluto poi se l’è fatta sfuggire di mano.Per colpa sua ci troviamo un forum e una pro loco dai quali lo hanno sbattuto  fuori senza farlo fiatare ai quali vengono elargite grosse somme di danaro per poche manifestazioni fatte male,Di Filippo ci spieghi perchè danno dal comune 30.000 euro per il carnevale e non ci venga a dire che non c’entra con questa manifestazione distrutta rispetto a quella che ci hanno consegnato le generazioni passate e dove prende i suoi voti.Ne potremmo dire tantissime con il rischio di essere ripetitivi.La colpa è di Adamo Coppola,in parte anche di Alfieri se vengono consentite certe cose.Delle notti blu meglio non parlare,stendiamo un velo pietoso,ne abbiamo dette tante,ci torneremo prossimamente comunque.Adamo Coppola dunque è stretto nella morsa del pressapochismo in vigore al municipio,prima tutto veniva superato per la presenza del migliore sindaco di Agropoli della storia da quando è nata la repubblica ora invece emerge in tutta la sua virulenza e sta distruggendo la città.L’appello ad Adamo Coppola è che si accorci le maniche,e cominci a fare sul serio,prenda provvedimenti anche impopolari e faccia ripartire la città perchè a dispetto del motto “Avanti Agropoli” coniato in campagna elettorale qui siamo a “indietro tutta.Noi crediamo che Coppola sia capace,ha tutte le carte in regola ma deve invertire la rotta.Se non ce la fa si dimetta a settembre e a novembre si torni a votare.Se se la sente cambi direzione e metta in campo il vero Adamo Coppola quello che la città e Alfieri hanno visto operare come assessore al bilancio e che da due mesi non esiste più.Sergio Vessicchio

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.