AGROPOLI

SIANO IN LUTTO PER LA MORTE DI ALFONSO BARBA 5 FERITI TUTTI DIMESSI

COSTA
Il luogo della tragedia

ANTONIO BARBASaranno le forze dell’ordine a chiarire l’estatta dinamica dell’incidente stradale costato la vita ad un giovane originario di Siano, Alfonso Barba di 27 anni, alla guida di una utilitaria, nonostante non avesse mai conseguito la patente. Lo scontro è avvenuto intorno a ll’1 ed un quarto, nella frazione Costa di Mercato San Severino, sulla strada provinciale 266, l’ex Via Coda, che dal centro della Valle dell’Irno conduce al cimitero, oltre che a Siano e Castel San Giorgio. Due le autovetture coinvolte nell’incidente all’incrocio con via Ferrovia Valle, nei pressi della nuova chiesa della Parrocchia della Santissima Annnunziata. Secondo le prime ricostruzioni, le due auto si sarebbero scontratte al centro dell’incrocio. Ad avere la peggio il giovane che era alla guida di una Fiat 600 che viaggiava sulla provinciale, da San Severino in direzione Siano. L’urto con una Mercedes che, invece, aveva superato i semafori, provenendo dalla vecchia chiesa di Via Ferrovia. Uno scontro a quanto pare violento, con l’utilitaria trascinata verso un guard rail di via Coda. Immediati sono scattati i soccorsi con diverse ambulanze sul posto, oltre ai Carabinieri di Mercato San Severino ed ai Vigili del Fuoco che hanno dovuto estrarre il corpo di Alfonso Barba dalle lamiere dell’auto sulla quale viaggiava con altri due ragazzi, tutti della zona. Ad intervenire i volontari del Punto e della Solidarietà, attivati dal Saut. Sei in totale le persone coinvolte, tre che viaggiavano sulla Mercedes, tra le quali una ragazza, provenienti da Solofra, ed altrettante sulla Fiat 600. A quell’ora, come confermato dalle forze dell’ordine, l’impianto semaforico sarebbe stato regolarmente in funzione. Due feriti sono stati trasferiti all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, mentre altri tre al presidio più vicino, cioé al Fucito. All’ospedale di Mercato San Severino è giunto anche, esanime, il 27enne di Siano. I cinque feriti, tutti con prognosi dai 3 ai 7 giorni, sono già stati dimessi in mattinata. I ragazzi sono stati sottoposti ad alcool test per verificare l’eventuale stato d’ebbrezza, esami analoghi anche per sul corpo del ventisettenne.

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.