AGROPOLI

SPACCIO NELL’AGRO,14 ARRESTI LA META’ AI DOMICILIARI/FOTO

SALERNO – Lo spaccio avveniva anche a domicilio, previa prenotazione. Che in gergo avveniva chiedendo pomodorini san marzano, giubbini ma anche «calamita di 450 euro non trattabili». Termini in codice che i carabinieri del gruppo territoriale di Nocera Inferiore guidati dal maggiore Enrico Calandro, neo comandante, hanno intercettato riuscendo poi a sgominare la rete di spaccio che operava sul territorio dell’Agro nocerino sarnese con asse ad Arezzo. Quattordici le persone finite in carcere, la metà ai domiciliari, grazie al blitz dei militari del nucleo operativo del capitano Michele Avagnale all’alba di oggi. Tintinnio di manette ai polsi di pregiudicati e incensurati che avevano la base logistica nel bar ‘President’ di via Nazionale ad Angri gestito da Nicola Erriquez che insieme ad Alfonso Morello alimentavano anche il mercati fiorentino. Servendosi di pedine per rifornire il territorio a Nord di Salerno. Non un giro dalle grosse cifre ma dalla intensa attività venuta alla luce grazie alle dichiarazioni di un pentito di Battipaglia, oggi in carcere. I gestori del bar, molto chic e alla moda, curato nei particolari, non servivano solo caffè. Chi sapeva entrava e ordinava, usando termini convenzionali. Nel corso delle perquisizioni domiciliari, intanto, sono stati sequestrati cento grammi di cocaina e oltre cinquecento di marijuana.E i militari stanno eseguendo anche controlli amministrativi sull’esercizio angrese. LE FOTO 

NOCERA DROGA 1NOCERA DROGA 2 NOCERA DROGA 3 NOCERA DROGA 4 NOCERA DROGA 5 NOCERA DROGA 6 NOCERA DROGA 7 NOCERA DROGA 8 NOCERA DROGA 10