AGROPOLI

STRISCIA LA NOTIZIA SA CHE AD AGROPOLI C’ERA UN OSPEDALE…….

IO EDITORIALE BLUDI SERGIO VESSICCHIO.Lo abbiamo detto e scritto già due anni fa. Striscia la notizia viene ad Agropoli per “sgamare” alcune situazioni molto particolari e pur non volendo entrare nel merito delle contestazioni di Abeti ci viene da pensare su come si fa l’informazione in Italia e soprattutto in quella piaga sociale che è MEDIASET.È giusto ricordare un po’ di cose. Intanto va rimarcato che l’inviato di Striscia, Abeti,molto bravo e divertente,ha dei contatti ad Agropoli perchè è stato fidanzato con una bella ragazza del posto di una ventina di anni più piccola di lui e spesso li si vedevano in giro per i locali e la movida Agropolese per cui di certo il simpatico Luca  ha avuto modo di farsi delle amicizie e quindi di avere dei ganci da queste parti. Detto questo ci chiediamo perchè Abeti ci tiene tanto a “sputtanare”Agropoli? Quale motivo lo spinge ad avere questo atteggiamento? E perchè si diverte a portare  Agropoli sovente alla ribalta delle cronache per fatti negativi e non pensa che ad Agropoli ci sono mille buoni motivi per parlarne bene? Quando si protestava per la chiusura dell’Ospedale era il periodo della sua love story ad Agropoli e nonostante la gente glielo dicesse per strada e glielo scrivesse di continuo lui mai ha fatto un servizio per salvare l’ospedale ne per evidenziare lo scippo che si stava facendo. Di solito Striscia si è caratterizzata proprio per salvaguardare strutture e situazioni vicine alle esigenze della gente perchè su Agropoli si fa notare con questa grande contraddizione? Sia chiaro non vogliamo abiurare i servizi fatti che di per loro hanno importanza e il loro significato ma ci sembra contraddittorio che in una città come Agropoli, che aveva l’esigenza di dover difendere un ospedale,una trasmissione come Striscia vada a scovare Sexy Shop o prodotti scaduti  e non a riportare a galla e in evidenza i numeri alterati usati per togliere l’ospedale cosa molto più utile all’opinione pubblica. Quale credibilità può avere su di una popolazione già martoriata dalla politica per la sanità un messaggio come quello di Striscia la Notizia? Non c’è proporzione. Un cittadino di Agropoli come può essere scosso dal viagra se quando ha bisogno di cure deve andare lontano e non ha l’ospedale? E come può essere  concentrato sui prodotti scaduti,cosa comunque molto grave,se si vede scaduta la pazienza per la mancanza di servizi sanitari? E quindi Striscia la notizia indugiando su Agropoli sbagliando costantemente la mira di fatto perde la sua identità e la sua incisività. Sarebbe molto più vicina ai propri scopi se la satira la facesse su quei politici che hanno chiuso l’ospedale e non su commercianti che pur venendo meno ai loro principi etici e commerciali non hanno le responsabilità di chi ha tolto la sanità ad Agropoli. E ci chiediamo ancora con quale coscienza il gancio di Abeti segnala supermercati e sexy Shop e non la barbarie dell’ospedale? Se,come pensiamo,si tratta di un grillino il gancio di Striscia la notizia, gli diciamo di riflettere, di meditare e di fare più il grillino che lo sciacallo è meno vergognoso ma immorale lo è comunque. E Striscia la Notizia invece di rendersi conto della disparità di trattamento tra il vero maltolto alla città e pillole per il sesso  continua imperterrita a ignorare il vero problema di Agropoli. Ora il dubbio ci sovviene perentorio. Lo fa scientemente o per scarsa professionalità? Il tempo ce lo farà capire e scoprire.Sergio Vessicchio

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.