AGROPOLI

TRA BRUNO MAUTONE E GIANNI MAURO E’ SCONTRO APERTO SULLA MORTE DI RINO GAETANO

mautone-libri
BRUNO MAUTONE

Tra Bruno Mautone autore del libro sulla morte di Rino Gaetano che sta spopolando in tutta Italia  e Gianni Mauro, attore e cantante salernitano che ultimamente ha avuto parole non molto lusinghiere nei riguardi di Mautone è polemica. Quest’ultimo ha scritto nelle scorse settimane un commento a margine di un articolo del quotidiano telematico Blitz,  rivolto ai contenuti del libro di Bruno Mautone, intitolato “Rino Gaetano, la tragica scomparsa di un eroe”. Nella occasione Mauro ha scritto letteralmente” Sono stato amico e collaboratore di Rino. Stavo con lui a Sanremo 78 a cantare Gianna. Ma come si permette questo Mautone di infangare con queste cazzate la memoria del mio amico Rino? E’ mai possibile che questo individuo spregevole solo per farsi un po’ di pubblicità ha messo su un castello di menzogne infamanti? So che Anna Gaetano, sorella di Rino, l’ha querelato e mi auguro che venga severamente punito, perché uno non si può svegliare una mattina e scrivere delle cose solo frutto della sua fantasia perversa”.

Avvocato Mautone cosa pensa delle dichiarazioni di Gianni Mauro?

“Vuole essere più realista del re e scade nella volgarità e nella disinformazione. Innanzitutto nel libro sottolineo che le ricostruzioni ivi riportate non impegnano la famiglia dell’artista. Inoltre ricordo a chi cantava “tu fai schifo sempre” che esistono  interviste di Anna Gaetano che evidenziano dubbi sulla dinamica del sinistro e che ricevette telefonate che sottolineavano la morte non accidentale dell’artista. La consapevolezza di non “riavere vivo” il carissimo fratello la indusse a non scavare e approfondire taluni aspetti della tragica vicenda. Ci tengo a sottolineare che ho inoltrato uno specifico esposto alla Procura della Repubblica di Roma per evidenziare anomalie e incongruenze legate al sinistro letale del 2 giugno 1981. “

Però lei è stato querelato dalla sorella di Rino Gaetano…

“E’ una palese falsità che dice Gianni Mauro. Non sono stato querelato dalla sorella dell’artista né da chicchessia. Innanzitutto non vedo per quale motivo avrebbe dovuto querelarmi. Oltretutto le tesi sviluppate nel mio saggio sono fortemente elogiative di Rino Gaetano, ne sottolineano il coraggio e la grandiosità dei temi, il cantautore non scrive “non-sense” ma illustra tra le righe fatti inquietanti della storia contemporanea della nostra Italia. Del resto amici veri di Rino Gaetano, che lo hanno frequentato a lungo, non dimenandosi alle sue spalle come vacua coreografia, mi hanno riferito che l’artista non amava parlare delle ispirazioni e dei reali significati delle circa settanta  canzoni che ha composto. Se poi Mauro ha il Vangelo in tasca e si erge a interprete ufficiale del pensiero gaetaniano vedrò di tenerne conto.”

 In cosa consisterebbero le “menzogne” del suo libro?

gianni-mauro
GIANNI MAURO

Non è un mistero che i familiari di Rino Gaetano contestano una tesi che illustro nel mio libro, e cioè che l’artista fosse affratellato ad una  loggia massonica, potentissima quanto spietata. I dubbi della morte prematura li collego a tale circostanza. In realtà questa ricostruzione non è mia e non è nuova, già altri autori ne hanno parlato, ad esempio il giurista e scrittore  Paolo Franceschetti. Ma non solo, ho trovato vecchi articoli di giornali che ne parlano, articoli passati del tutto inosservati, che già accostano l’artista agli ambienti dei liberi muratori. Per onestà intellettuale aggiungo che amici strettissimi di Rino Gaetano (non tutti in verità, qualcuno è più possibilista) , dopo la pubblicazione del libro, hanno sottolineato che nessun elemento è emerso per poter sostenere che fosse affiliato alla massoneria. Ne prendo atto. Tuttavia è indubbio che nei testi gaetaniani vi sono continui e innumerevoli  riferimenti ad episodi e personaggi storici legati al mondo massonico. Quindi l’artista, e ciò nessuno lo può contestare, conosce il fenomeno e ne è assai interessato, pur prendendo atto, lo ribadisco, che non fosse affratellato. In tutto questo mare di polemiche dei familiari contro il mio libro e la …pista massonica  è sopravvenuta una circostanza incredibile, assai clamorosa. Recentemente, pochissimi mesi fa, il capo supremo della loggia massonica più potente di Italia e del mondo (con le varie obbedienze nelle singole nazioni), il Grande Oriente D’Italia, il Gran maestro Stefano Bisi, nel discorso addirittura del suo insediamento alla guida della importante  e influente obbedienza,  ha citato espressamente Rino Gaetano nonché i testi di una sua canzone sconosciuta ai più.Quindi i richiami fatti all’universo massonico da Rino Gaetano, pur escludendo sua appartenenza, in modo oggettivo hanno destato l’ interesse di chi massone lo è, addirittura il capo supremo.

 Il suo libro “Rino Gaetano, la tragica scomparsa di un eroe” che reazioni, in generale, ha suscitato?

“Ha avuto una ottima accoglienza, on line è uno dei libri più venduti in Italia, infatti è stato n. 4 nella top music best seller di Amazon, nonché num. 1 nella top music di libreria universitaria.it.  Aggiungo che numerosi elementi ipotizzati nel primo libro, purtroppo anche quelli più inquietanti e drammatici, legati alla prematura morte dell’artista hanno avuti riscontri. Non aggiungo altro, ma ho acquisito elementi ulteriori e nuovi che lasciano veramente sconcertati. Ci ritorneremo.”

Cosa vuol dire a Gianni Mauro?

“Sono rimasto meravigliato dalle sue parole, un artista esperto e conosciuto qual è lui  non può abbandonarsi ad affermazioni  offensive e false. Una pesante caduta di stile che mi è giunta inaspettata. In una Italia nella quale si discute in modo esasperato,  e dove vi è la querela facile, avrei potuto, io si, procedere, in tal senso. In realtà accetto le critiche e sono pronto al confronto, anche alla luce di nuovi elementi che ho trovato e che confermano in modo oserei dire clamoroso  le tesi più allarmanti. Tuttavia mi sarebbe piaciuto che si usassero toni più rispettosi e magari una maggiore cognizione di ciò che ho realmente inteso sostenere, oltretutto con tanto di punti interrogativi,   e non commentarmi  col “sentito dire”.

Querelerà Gianni Mauro per aver detto frasi che lei, avvocato Mautone, ha detto di ritenere false ed ingiuriose?

“Ogni giorno sto in tribunale per la mia professione di avvocato, per carità, non ci penso proprio. Oltretutto Gianni Mauro, come artista, mi è stato sempre  simpatico. La sua  hit,  con i Pandemonium, “tu fai schifo sempre”, nonostante il titolo “atipico”, è un piccolo capolavoro di ironia. Ecco, al limite Gianni Mauro, non condividendo le mie tesi, poteva dedicarmi una  messa in onda del brano.”

Finisce qui la chiacchierata con Bruno Mautone. L’autore de “La tragica scomparsa di un eroe”, come si vede, ha lasciato intendere di avere acquisito ulteriori elementi sulla vita e sulla morte di Rino Gaetano e quindi , aldilà della polemica innestatasi con Gianni Mauro, l’avvocato  e scrittore agropolese ritornerà sicuramente sulle interessante vicende relative al geniale cantautore calabrese.  Sergio Vessicchio