AGROPOLI

US AGROPOLI LA DISPERAZIONE DI CERRUTI ARRIVA IN FEDERAZIONE

CERRUTI CON ALFIERI E TACCONIIl presidente dell’Agropoli ha scritto una lettera ai vertici della federazione italiana gioco calcio per quanto succedendo all’Agropoli.Questo il testo della lettera che abbiamo già pubblicato sul sito www.calciogoal.it

“Il sottoscritto Domenico Cerruti, presidente pro tempore della società A.S.D. U.S.Agropoli, militante nel campionato di Serie D girone I, in virtù degli eventi che hanno caratterizzato questo avvio di stagione, mette in evidenza come ad oggi gli arbitraggi stiano incidendo negativamente sul cammino della squadra. Ormai da cinque anni la società che rappresento milita ininterrottamente nel campionato di Serie D e si è sempre caratterizzata, a detta di tutti, per rispetto delle regole, correttezza e sportività, nei confronti dei tesserati, delle compagini avversarie, della Lega e dei direttori di gara. Eppure ad oggi dobbiamo registrare di aver subito nelle ultime settimane una vera e propria violenza da parte della classe arbitrale che ci sta danneggiando in modo irreversibile.Basti pensare che l’A.S.D. U.S.Agropoli si è vista fischiare contro ben sei calci di rigore. Alcuni di questi quantomeno dubbi per non dire inesistenti, e che hanno inciso negativamente sui risultati finali. Voglio soltanto ricordare quelli concessi nei minuti finali di gara: a Marsala al 91′(per fortunata parato dal portiere); a Vibo Valentia contro la Vibonese al 90′ (gara terminata con la vittoria di misura dei padroni di casa), inesistente a detta degli stessi dirigenti calabresi. E’ poi opportuno citare la disastrosa prestazione del sig. Fusco di Brindisi che nella gara Agropoli – Rende ha dato vita ad una direzione a dir poco scandalosa, sanzionando ben quattro tesserati della società che rappresento con il cartellino rosso. Decisioni, queste, che hanno ridotto la squadra all’osso, penalizzandola anche per la partita successiva contro il Gragnano, persa per 1 a 0, guardacaso con un calcio di rigore dubbio. Per questo chiediamo un intervento dei massimi organismi della Lega Nazionale Dilettanti a garanzia della regolarità del campionato e a tutela dell’impegno e della professionalità dei giocatori, dei tecnici e dei dirigenti della società che rappresento.La Lega ha il dovere di vigilare sul rispetto delle regole e di garantire la lealtà della competizione sportiva, messa in discussione, in questa prima fase di stagione, dall’inadeguatezza di parte della classe arbitrale. Da anni ad Agropoli portiamo avanti un progetto basato sulla passione, sull’impegno ma anche sulle competenze e la professionalità e non è possibile che queste siano frustrate da una componente che, ci auguriamo solo per incapacità, penalizza settimanalmente i nostri sforzi.Chiediamo soltanto rispetto, altrimenti saremo costretti a farci da parte.”

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.