AGROPOLI

US AGROPOLI,ARRIVANO I NEMICI DI CERRUTI,AL GUARIGLIA LA NEAPOLIS DI MOXEDANO E CICCARONE

CERRUTI SCRIVANIA
CERRUTI PRESIDENTE DELL’AGROPOLI

Cerruti è tutt’altro che soddisfatto del gioco dell’Agropoli,di come sta ottenendo i risultati e della posizione in classifica della sua squadra. E’ convinto a ragione di aver in mano una squadra forte e in grado di vincere il campionato. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Magna lo sponsor di Pirozzi molto critico nei confronti del suo tecnico per come ha approcciato in questa stagione,il direttore però difende la sua scelta ritenendo comunque Pirozzi la scelta migliore,il presidente non la pensa allo stesso modo ma si fida ciecamente di Magna. Diciamo senza mezzi termini che a Pirozzi lo ha salvato l’Akragas e questo lo ritenevamo anche prima che vincesse con il Sorrento. I sicliano soni ritenuti l’unica vera squadra in grado di contrastare l’Agropoli e le ultime battute di arresto di questa compagnine hanno frenato la dirigenza agropolese decisa comunque a cambiare non perchè non ritiene all’altezza Pirozzi ma perchè forse con un allenatore conun curriculum migliore che ha già ottenuto grand successi allenando anche in seri b e il lega pro verrebbe capitalizzato nel migliore

CICCARONE DS DELLA TURRIS
CICCARONE DS DELLA TURRIS

dei modi l’organico di prima scelta costruito da Magna.Pirozzi alla società sembra troppo dilettante per il progetto e con lui si rischia di vanificare un lavoro e un capitale importantissimo. Insomma sembra che Pirozzi al d la dei risultati prossim abbia il destino segnato,la società punta su un allenatore importante in grado di poter guidare la squadra in lega pro. Pirozz però pur sapendo questo va avanti per la sua squadra,prepara il lavoro minuziosamente e aspetta la Neapolis la squadra di Moxedano e Ciccarone che l’anno scorso si chiamava Turris ma che da Torre del Greco fecero scappare perchè avevano intuito che i dirigenti volevano andare via.Diciamo che Moxedano e Ciccarone rappresentano gli anti Cerruti,soprattutto Ciccarone non sta molto simpatico al massimo esponente cilentano da quando era il ds del Noto il cui sorprendente girone di ritorno due anni fa fece molto discutere.Da ultimo in classifica ormai retrocesso con l’arrivo di Ciccarone si salvò senza i play out nei quali finirono i delfini.Forse era arrivato Sabatini nella dirigenza del Noto e quindi grandi risultati.Da quell’esperienza Cerruti trasse  molte conclusioni e l’anno dopo per evitare Ciccarone  che stava alla Turris si fece mettere in un girone diverso trovando il Savoia,quest’anno non ha potuto evitarlo e domenica si guarderanno negli occhi.Nell’Agropol ancora non ci sarà Panini mentre tarallo dovrebbe essere disponibile,domenica era uscito sullo 0-0.Si gioca domenica pomerggio alle ore 15.00,l’Agropoli ha prolungato la vendita degli abbonamenti proprio fino a domenica prossima.Sergio Vessicchio