AGROPOLI SPORT

US AGROPOLI,TORNA L’INCUBO NICOLA VOLPE,CERRUTI ACCORDO CON SQUILLANTE,ARRIVA TACCONE

Se ancora non si può parlare di caos poco ci manca.A riportare tutto sui binari giusti ci pensa Cerruti visto che il sindaco Adamo Coppola e il consigliere allo sport Cammarota sono pressati per mandare a gambe all’aria  lo stesso Cerruti,il suo lavoro e le sue strategie.Rosario Gaglione imprenditore,ex arbitro,ex dirigente e presidente di diverse squadre in Campania da tempo intende rilevare l’Agropoli.3 anni fa pagò l’iscrizione e poi fu messo da parte da Magna e Cerruti e quei soldi non gli sono stati mai dati.La vendetta di Rosario Gaglione però è covata sin da quale momento.Lo stesso Gaglione è entrato in scena nel marzo scorso quando dopo le dimissioni di Puglisi si tentò il ribaltone non riuscito per la tenacia di Puglisi e Cerruti in un momento difficile della squadra.Ora con l’uscita definitiva di Puglisi e l’imposizione di Cerruti di far pagare l’iscrizione agli agropolesi attraverso l’impegno di sindaco e vice sindaco Gaglione ha messo 5.000 euro promettendo 120.000 di contributo  con il patto di arrivare ad  una limitazione  di Cerruti con l’imposizione di alcune scelte.Messi alle strette sindaco e consiglieri hanno accettato le proposte di Gaglione ed è partita la macchina del fango contro Cerruti e le sue scelte.Tutti gli uomini del presidente sono stati bombardati di fango all’amministrazione comunale.La cosa è sembrata strana fino a quando si è scoperto che vicino a Gaglione guarda un po c’è Nicola Volpe al quale Gaglione si è rivolto e basterebbe questo per metterlo fuori dal progetto Agropoli.Ma crediamo alla buona fede di Rosario Gaglione che conosciamo da oltre 30 anni.E quindi sono diventati tutti dei diavoli da Cerruti a Gorelli arrivando addirittura alle future scelte tecniche.Tutto fango ad orologeria.L’ambiente di quando c’era nell’Agropoli Nicola Volpe.Un incubo.E questa è la strada giusta per il fallimento.E’bastato avvicnarlo solo un poco all’Agropoli  per rivedere l’incubo fallimento di due anni fa.Nicola Volpe vuol dire fallimento.E come si è sparsa la voce in città di un suo avvicinamento alla squadra,si sono ritirati alcuni possibili  contribuenti,Cerruti si è chiuso in difesa,Canale ha messo in discussione la sua presenza.Gaglione non si rende nemmeno conto del danno che sta facendo all’Agropoli.E quando ieri Gaglione si è incontrato con Cerruti non lo ha nominato probabilmente perchè ancora intende bluffare.E’ partito il tam tam sui social contro l’Agropoli e contro Nicola Volpe,giocatori che non vogliono più venire,tifosi amareggiati.L’amministrazione comunale o meglio sindaco e consigliere sono stati raggiarati da pressioni.Cerruti ha tirato troppo la corda sull’iscrizione e il vuoto ha favorito il caos e la tempesta di fango.L’impressione, ma anche la paura, è che l’amministrazione comunale in questo momento sia accecata dalla rabbia contro Cerruti un po per la situazione dell’iscrizione e per i condizionamenti che sta ricevendo contro chi ha portato avanti con sacrifici l’Agropoli negli ultimi 9 anni.Quello che doveva essere un momento di festa per il ritorno in serie d si sta trasformando in un incubo.Gaglione ha sbagliato modi,tempi e non ha avuto rispetto di Cerruti del suo lavoro e della sua storia.E’ entrato a gamba tesa nella vicenda con sistemi discutibili e con persone già provate ad Agropoli.Non si è reso conto che Nicola Volpe con Magna hanno trascinato l’Agropoli sull’orlo del baratro,vicinissima al fallimento e senza futuro e adesso dopo i sacrifici di questi due anni in eccellenza si torna in serie D e chi dovrebbe guidare l’Agropoli Nicola Volpe l’uomo della disfatta.Ma siamo impazziti?Il sindaco Adamo Coppola e il consigliere Cammarota si rendono conto con chi stanno parlando?Si stanno svendendo ai primi arrivati.A Gaglione se interessasse l’Agropoli non si sarebbe rivolto a Nicola Volpe ben sapendo dei danni che ha fatto.Gaglione ha l’esigenza di far ruotare ad Agropoli giocatori di procuratori amici,allenatori da gestire,vecchi da svernare.

 

Quale interesse ha Gaglione per l’Agropoli?Farebbe un anno e andrebbe via lasciando l’Agropoli in promozione o in prima categoria e lo diciamo con l’affetto che abbiamo nei suoi confronti perchè riteniamo che sia una persona seria e perbene ma senza nessun amore per la squadra e per la città.Non a caso ha messo subito in discussione gli uomini di Cerruti,le scelte di Cerruti e la presenza di Cerruti.Adamo Coppola è stato determinante lo scorso anno nel formare la società,si assume la responsabilità di determinare le condizione per il fallimento dell’Agropoli avvallando una situazione vergognosa?Il sindaco e il consigliere Cammarota che al telefono sono frammentari e schivi stanno cadendo nel trappolone.Intanto per fortuna Cerruti va diritto verso la sua programmazione.richiamato Gorelli che fa da team manager e segretario a soli 500 euro,confermato,ma era scontato,Matteo Canale,ha messo le mani sul migliore allenatore in circolazione Gigi Squillante,il più gettonato trainer campano già bloccato dal presidente e sul quale Gaglione sta avendo da ridire perchè la presenza di Squillante eviterebbe l’invasione di procuratori e gente di basso profilo che purtroppo sono già alle porte con l’arrivo di Gaglione e Volpe.

 

Se Rosario Gaglione  vuole bene all’Agropoli come dice entra in società,va nel direttivo,partecipa alle scelte e non contesta tutto quello che c’è da contestare e tenga rispetto di un presidente che per 9 anni ha assicurato con alti e bassi la vita dell’Agropoli mettendoci dentro oltre 3 milioni di tasca propria e peccato se gente come Nicola Volpe e Magna li ha gestiti in manera maldestra portando il club sull’orlo del fallimento.Cerruti annuncia l’ingresso dell’ex presidente dell’Avellino in società.Una bomba per l’Agropoli,un onore per la città capitale del Cilento e una boccata di ossigeno per il Delfino.Il sindaco Adamo Coppola e il consigliere Cammarota i cui meriti sono indiscutibili per aver assicurato l’iscrizione al club dopo il discutibile diktat di Cerruti pensino bene a cosa stanno facendo.Cerruti è l’usato sicuro,una macchina sgangherata che però arriva sempre alla meta,altri sono avventurieri di cui questa città non ha bisogno se non con un apporto signorile.Bisogna aiutare Cerruti,il suo progetto e le sue scelte. Sergio Vessicchio


WWW.CANALECINQUETV.IT

WWW.CALCIOGOAL.IT

WWW.TUTTOJUVE.NET

 

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.