ATTUALITA'

BIAGIO ANTONACCI SEMPRE PIÙ INNAMORATO DELLA COSTIERA AMALFITANA

Resta fedele alla Costiera Amalfitana Biagio Antonacci che prima di ogni esibizione al PalaSele di Eboli non perde occasione per una sortita nella Divina. Lo scrive IlVescovado.it In concomitanza col doppio live di stasera e domani, tappa del suo tour invernale che presenta “Dediche e Manie” l’ultimo album, il quattordicesimo, di inediti, uscito lo scorso 10 novembre, il cantautore milanese la scorsa notte ha scelto Minori per il meritato risposo dopo il concerto di Bari. Nel 2009 aveva scelto Ravello.

Di stanza presso il Villa Romana hotel non ha rinunciato a un trattamento benessere all’attiguo Otium Spa per qualche ora di meritato relax tra Bagno Romano con sauna, idromassaggio, Tepidarium, Calidarium, Frigidarium e pediluvio. Negli autografi lasciati, tutto l’apprezzamento per la cortesia e l’accoglienza ricevuti.

Poi in serata passeggiata sul lungomare California, in totale anonimato: qui Antonacci si è fatto ritrarre in foto, tra le variopinte barche che trovano ricovero in prossimità del molo con, sullo sfondo, il caratteristico abitato aggrappato sulla scogliera. «Una meravigliosa notte in Costiera Amalfitana… tutto sembra essere eternamente al suo naturale posto… da sempre e per sempre», questa la didascalia dello scatto che l’artista ha affidato a Facebook guadagnando in poche ore, una pioggia di “like”.

Tra gli hashtag “Fortuna che ci sei”, il secondo singolo estratto dall’ultimo disco, una ballata melodica in pieno stile Antonacci, scritta, arrangiata e prodotta insieme a Stefano De Maio e Placido Salamone. All’interno del brano è contenuta la frase che dà il titolo al disco, un’unione di parole che rappresenta alla perfezione l’artista: da un lato ci sono le sue canzoni, che dedica o che vengono dedicate a qualcuno, e dall’altro le manie, che rappresentano la parte più istintiva del suo carattere.

Nel doppio live di Eboli Antonacci proporrà ben 32 brani, con i successi della sua carriera, straordinaria, come ‘Se Io se lei’, ‘Noinon ci facciamo compagnia’, ‘Le cose che hai amato di più’, ‘Iris’, ‘Mi fai stare bene’, ‘Sappi amore mio’, ‘”Se è vero che ci sei’ ‘Non parli mai’, ‘Mi fai stare bene’, e gli immortali ‘Liberatemi’, ed ‘Angela’, solo per citarne qualcuno.

Fonte Ilvescovado.it

comunicato stampa
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.
http://www.agropolinews.it/