ATTUALITA'

LA CASERMA DEI CARABINIERI DI PISCIOTTA A RISCHIO CHIUSURA

PISCIOTTA La caserma dell’Arma a Pisciotta a rischio chiusura. «Negli scorsi mesi – spiega il sindaco di Pisciotta, Ettore Liguori – hanno notificato una procedura di sfratto indirizzata alla locale caserma dei carabinieri e alla Prefettura di Salerno». Il presidio di sicurezza ha sede in via Salerno da circa 20 anni e vede in servizio 4-5 carabinieri nel periodo non estivo, che salgono a 7 in estate. La procedura di sfratto potrebbe essere evitata, qualora la Prefettura fosse disposta a pagare un canone aumentato. Al momento, la locazione annuale per l’immobile che ospita la caserma è pari a circa 23mila euro. «La Prefettura – precisa il primo cittadino – ha già chiarito di non poter procedere, per motivi di spending review, a riconoscere una canone maggiore di quello attuale». Per questo motivo, l’Amministrazione Liguori si è detta disponibile a valutare la possibilità di contribuire al fitto dei locali al fine di evitare di perdere il presidio. Adesso bisognerà attendere il responso dell’Agenzia del Territorio per comprendere a quanto ammonta l’adeguamento del canone, la cui fissazione risale a circa due decenni fa. «Siamo disposti a valutare – evidenzia il sindaco – l’eventualità di contribuire a versare la differenza. Ovviamente ci riserviamo di capire a quanto ammonta tale somma e se tale operazione è fattibile. Qualora così fosse, essendo una voce di spesa non presente in bilancio, significherà che dovremo privarci di qualcosa in altro settore, per dare priorità al mantenimento della caserma dei carabinieri, che altrimenti potrebbe venire accorpata ad altre Stazioni limitrofe».

I PASSI DELLA PREFETTURA

La Prefettura di Salerno, a seguito dell’avvio della procedura di sfratto da parte dei proprietari dell’immobile adibito a caserma, ha chiesto al Comune di Pisciotta la disponibilità di immobili comunali da concedere a titolo gratuito oppure a canone agevolato per adibirli a sede del Comando Stazione Carabinieri, in applicazione del principio di reciprocità, ma la risposta dell’Ente è stata negativa. Nel contempo, nel luglio scorso si è tenuto un incontro presso gli Uffici della Prefettura di Salerno per discutere della questione. E in quella sede, è stata ribadita la disponibilità dell’Ente a partecipare alle spese per prorogare l’occupazione dell’attuale sede fino alla realizzazione della nuova caserma prevista nel redigendo PUC. Andrea Passaro

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.