roccadaspide
ATTUALITA'

ROCCADASPIDE-AGROPOLI, PROTESTE SUL PAVENTATO ACCORPAMENTO DEGLI OSPEDALI CON EBOLI E VALLO

L’ennesimo sgambetto istituzionale da parte del Presidente della Regione Campania. In questi giorni, si sta rieditando il Piano Ospedaliero della Regione Campania e dalle indiscrezioni filtrate sembra essere peggiore del precedente. I Plessi di Roccadaspide ed Agropoli si accorperebbero l’uno sugli Ospedali di Eboli e Battipaglia, l’altro sull’Ospedale di Vallo della Lucania garantendo solo 20 posti letto di Medicina. Un altro schiaffo alla popolazione della Valle del Calore. De Luca starebbe accelerando le procedure per farsi approvare questa ennesima vergogna dal Ministero della Salute e dal Ministero della economia e finanza (MEF) prima del 20 dicembre, data in cui si discute al TAR della Regione Campania il ricorso contro il Piano, utilizzando la tattica del fuorigioco: se il novello piano viene presentato alcuni giorni prima dell’udienza, bisognerà impugnare per motivi aggiunti pena la decadenza del ricorso per la mancata impugnativa del novello piano ed il venir meno della legittimazione dei ricorrenti. “De Luca la finisca di fare giochi di prestigio – dichiara Rolando Scotillo della FISI associazione facente parte del Comitato – ed abbia il coraggio di confrontarsi con i suoi tecnici sulle criticità del Piano sull’area della Valle del Sele, non confrontarsi è solo da vigliacchi che hanno paura di far vedere che hanno operato in malafede proteggendo e favorendo territori vicini politicamente ed umiliando i 300.000 abitanti della Valle del Sele e del Calore”. La Presidente del Comitato per la Tutela della Salute Pubblica, Rosa Adelizzi, amareggiata, dichiara: “Abbiamo mandato tutte le carte al Ministero della Salute ed alla Direzione Generale della Programmazione Sanitaria ed abbiamo chiesto un tavolo di confronto per l’area della Valle del Sele e del Calore su cui confrontarci e verificare gli attuali Livelli essenziali di assistenza ed abbiamo chiesto allo stesso di non rendersi complice dei “furbetti” campani. Dal canto nostro non demordiamo e se ci sarà da impugnare di nuovo lo faremo nell’interesse della nostra popolazione anche a costo di rivolgerci al Consiglio di Stato”. Il Comitato Pro Ospedale di Roccadaspide, intanto, fa sapere di essere vicino e di appoggiare ogni azione a tutela del territorio. Francione e di Stasi dichiarano: “Il Comitato Salviamo l’Ospedale di Roccadaspide e della Valle del Calore, facendo seguito ad alcune anticipazioni di stampa in merito al provvedimento di aggiornamento del nuovo Piano Ospedaliero Regionale per il triennio 2017-2017, a firma del Commissario ad acta nonché Presidente della Giunta Regionale Campana, Vincenzo De Luca. esprime profondo rammarico e disappunto per l’ipotesi di ‘rimodulazione’ del presidio ospedaliero di Roccadaspide contenuta nel prefato provvedimento”. Poi ancora “a questo punto, se il piano dovesse essere approvato dai ministeri vigilanti, metteremo in campo qualsiasi azione di lotta possibile per salvaguardare il nostro presidio, anche le più estreme…”.

comunicato stampa
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.
http://www.agropolinews.it/