ATTUALITA'

SALERNO,ADDIO A ROBERTO GUARIGLIA ERA IL SIGNORE DEGLI EVENTI/IL RICORDO DI TONY ARDITO

E’ morto Roberto Guariglia il re degli eventi.Guariglia era molto conosciuto in città per aver organizzato manifestazioni che hanno dato lustro alla città. È stato icona della moda di Salerno ed ha portato in giro per l’Italia il nome della città.

ERA IL SIGNORE DEGLI EVENTI

Un addio con tanti rimpianti e tanti rimorsi per Roberto Guariglia un vero signore e persona di grande prestigio.Ha curato a Salerno i più grandi eventi tra la fine degli anni 80 e 90 ma anche successivamente.Quando Salerno era centrale nelle manifestazioni di prestigio la città si affidava a lui per l’organizzazione.Uomo di cultura e di immagine ma anche di spessore umano e intellettuale amava fare le cose con precisione e cura grazie alle sue enormi doti manageriale.Ha precorso i tempi,ha affascinato per impegno e abnegazione.Ha cambiato il volto di una città in trasformazione perchè ha dato con lo spirito giusto la spinta necessaria al cambiamento.Non c’era evento che non venisse affidato a lui.Ha fatto crescere manager,ha avviato uomini e donne di successo,ha curato menti destinate poi alle grandi vetrine.Sempre sorridente,affabile,gentile oltre misura.Interpretava fedelmente il suo lavoro ed ha capito prima di tutti che l’immagine è indispensabile per tutto.Per chi lo ha conosciuto,frequentato e stimato come noi lascia un vuoto ma non lo diciamo per demagogia ma perchè da lui abbiamo appreso tanto del nostro lavoro fatto molto di immagine.Addio Roberto e grazie per la tua presenza e per essere stati tra le tue conoscenze.Sergio Vessicchio

 

“Ciao Roby”, il ricordo di Tony Ardito

E’ stato il precursore della Movida salernitana, ma si badi bene quella di qualità. Quella dei modi gentili e non arroganti, dell’eleganza e dell’educazione, della qualità e non della quantità. Ex arbitro di calcio in gioventù ma anche bancario al Banco di Santo Spirito, posto che lasciò per seguire le proprie aspirazioni. Il ricordo di Roberto “Roby” Guariglia nelle parole di Tony Ardito che, rotto dalla commozione ha cercato di ripercorrere con noi le tappe di vita di una persona, per certi versi, in anticipo con i tempi. «Era un uomo trasversale, che amava la vita da strada ma anche quella di qualità. Dice Tony Ardito – Roberto è stata una persona trasversalmente nota, di grande intelligenza e di lungimiranza negli anni in cui la Movida era solo un pallido progetto. Ma anche una persona sempre pronta, disponibile, generosa oltre che molto elegante. Le sue passioni erano per le auto e per i vestiti. Lui è stato l’inventore del Fuenti, quello che è stato un cult per i ragazzi degli anni ’80. Ma era un Fuenti anche di qualità, dove si accedeva per inviti e con un certo look. Insieme con Mario Villani e Claudio Capone, inventò di sana pianta quello spazio nel 1982. E per certi versi è stato il punto di riferimento della “meglio gioventù” di allora. Un boom che aveva preparato anni prima con un altro locale, il Cancro che era nella zona orientale di Mariconda. Ecco, racchiudere Roby in quattro tappe della sua vita possiamo farlo così: il Cancro, il Fuenti, la Spaghetteria a Portanova ed ovviamente il New Model Today. Che ebbe presenze anche in Russia e che non privilegiava tanto la bellezza in senso oggettivo delle ragazze. Basti pensare che in questa felice intuizione, e con l’appoggio dell’agenzia Why Not di Milano, fece scoprire a Salerno,e  non solo, anche gente come Anna Falchi o Charlize Theron. Ora l’erede di tutto questo è il figlio Guido a cui, insieme con il fratello Marco, va il mio immenso abbraccio»

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.