poste
ATTUALITA'

SAN MARZANO: POSTE NEL CAOS! NON ARRIVANO NEANCHE LE BOLLETTE, CITTADINI INFURIATI

Poste nel caos a San Marzano sul Sarno, non arrivano nemmeno le bollette e i cittadini si infuriano. L’appello del gruppo politico “Insieme per Costruire”: “Tutto questo è inaccettabile. Il sindaco si faccia portavoce del disagio della comunità con i vertici di Poste Italiane”.

La corrispondenza non arriva in tempo e i cittadini si infuriano. E’ rivolta a San Marzano sul Sarno, dove si moltiplicano le segnalazioni concernenti la posta recapitata dopo un’attesa lunga ed imprevista. Un problema che ha spinto i residenti a mobilitarsi e sollecitare l’intervento delle istituzioni, in primis il sindaco Cosimo Annunziata, per chiarire la situazione. In alcuni casi, i ritardi si prolungano fino a un mese e anche oltre, il che finisce per avere conseguenze sul pagamento delle bollette. Infuria la protesta per i tempi di consegna, che vede molti cittadini recarsi quotidianamente all’ufficio postale di piazza Amendola, chiedendo spiegazioni agli addetti ai lavori, ma l’appello è rivolto anche al Comune, affinché si faccia luce sui motivi alla base dei disagi.

A interpellare il primo cittadino Annunziata e la sua amministrazione è il gruppo consiliare “Insieme per costruire”, i cui esponenti sottolineano la gravità e le ripercussioni del disservizio: «E’ inaccettabile che alcune famiglie debbano attendere così a lungo prima di ricevere la posta – affermano – ma è altrettanto inspiegabile che non ci si attivi per dare risposte esaurienti. Ci giungono quotidianamente tante segnalazioni su questo problema, occorre il massimo impegno e interessamento da parte delle istituzioni. Il sindaco Cosimo Annunziata si faccia portavoce del malcontento con le Poste, i cittadini hanno avuto fin troppa pazienza».

Ufficio Stampa Gruppo consiliare – (Francesco Ienco 3337163564)

comunicato stampa
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.
http://www.agropolinews.it/