ATTUALITA'

UN LUNGO APPLAUSO PER L’ADDIO A VALIANTE L’ULTIMO CUORE DEMOCRISTIANO IL PADRE DELLA RINASCITA DEL CILENTO/IL TELEGRAMMA DI MATTARELLA

BASSOLINO E DE LUCA IN CHIESA PER L’ESTREMO SALUTO AD ANTONIO VALIANTE.A CUCCARO VETERE CHIESA GREMITA DI GENTE ED ISTITUZIONI .LE ULTIME PAROLE AI FIGLI:”DIFENDETE LA SANITA’ E ILO CILENTO”

E’ arrivato anche il telegramma del presidente della Repubblica.«Valiante è un esempio da imitare, ha dedicato la sua vita a questa terra e per il bene comune »: le parole del vescovo di Vallo della Lucania, monsignor Ciro Miniero, risuonano come un monito nella chiesa di San Pietro Apostolo, gremita di gente, per i funerali di Antonio Valiante. Nel piccolo centro di Cuccaro Vetere sono arrivati in tanti per dare l’ultimo saluto all’ex deputato e vice presidente della Regione, deceduto lunedì sera, nell’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania a causa di un grave scompenso cardio-respiratorio. In prima fila la moglie Rosa, i figli Diego e Simone, ma anche il governatore Vincenzo De Luca, il suo vice Fulvio Bonavitacola e l’ex presidente della giunta regionale Antonio Bassolino. E poi decine di sindaci e amministratori arrivati da ogni parte della provincia. In chiesa anche l’assessore regionale Corrado Matera, i consiglieri Franco Picarone e Maria Ricchiuti, Franco Alfieri, l’ex parlamentare Tino Iannuzzi, il presidente della Provincia di Salerno Michele Strianese e l’ex presidente Alfonso Andria. Nella chiesa di San Pietro, un po’ nascosta nei vicoli del borgo, c’erano davvero tanti amici e compagni di vita dell’ex vice presidente della Regione. Una folla commossa già da ieri mattina aveva gremito la piccola chiesa, dove è stata allestita la camera ardente. Il feretro è giunto a Cuccaro pochi minuti dopo le 10. È stato un via vai continuo: amici, amministratori, compagni di partito e non. Presenti il gonfalone del Comune di Cuccaro, della Provincia, della Regione. «Era sempre disponibile, si faceva voler bene da tutti…»: sono in tanti a dirlo nell’atrio della chiesa mentre all’interno il vescovo, durante l’omelia, si rivolge alla famiglia indicando la lo strumento della fede per lenire il dolore. È toccato poi al sindaco Aldo Luogo, al termine della cerimonia religiosa, fare il primo intervento di commiato. «Antonio Valiante è stato un maestro di vita e di politica, un amministratore onesto, capace e lungimirante che tanto ha dato a Cuccaro, al Cilento e alla Campania. Siamo a lui grati per l’esempio che ci ha lasciato. E noi mai lo dimenticheremo ».

Hanno fatto seguito gli interventi del sindaco di Centola Carmelo Stanziola, del sindaco di Laurito Vincenzo Speranza, degli ex parlamentari Andria e Iannuzzi e dell’ex governatore Antonio Bassolino. «L’onorevole Valiante ha sempre tenuto aperta a tutti la sua casa – ha raccontato Stanziola – si è fatto carico di tantissimi problemi della gente, fino alle ultime ore di vita, anche dalla stanzetta dell’ospedale ». Stanziola ha anche ricordato le parole che Valiante ha rivolto al figlio Simone durante il ricovero: «Non mollate, riunitevi e combattete per la sanità sul territorio». Poi gli interventi conclusivi dei figli Diego e Simone. «Per ricordare mio padre – ha detto Diego, giovane economista – l’unica cosa che dovete fare è difendere questa gente con le unghie e con i denti, al di là di ogni colore politico. Lui porta sul corpo tante ferite di questa battaglia ». E rivolgendosi ai sindaci: «Dovete rimanere  uniti perché è ciò che mantiene in vita questo territorio». Non è riuscito a trattenere le lacrime anche l’altro figlio Simone che, dopo aver letto “ ‘a livella“, la poesia di Totò che tanto amava il papà: «Difendeva tutti, a cominciare dai più umili, dai più deboli – ha raccontato Noi cercheremo di fare come tu ci hai insegnato. Tanti si sforzano di essere come te, ma sarà difficile. Tu sei stato un numero uno e l’abbraccio di questa terra te ne rende giusto merito».
oi rivolgendosi sempre al papà. «Proteggi i tuoi nipoti, proteggi questa comunità, proteggi questa terra rude e difficile. Questa nostra terra ti ha dato tanto ma tu hai restituito altrettanto». Al termine della cerimonia la salma è stata benedetta e salutata da un forte applauso.Vincenzo Rubano

WWW.CANALECINQUETV.IT

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.