CRONACA

ANCORA UN MORTO SULLA CILENTANA,GRAVI MADRE E FIGLIA.INDISPENSABILI GLI AUTOVELOX

Un tremendo impatto,poi la morte,la disperazione e altri due feriti.Una tragedia della strada,l’ennesima slla cilentana costellata dalle croci.Solo la presenza degli autovelox può fermare questa strage continua e guarda caso gli ultimi decessi sono dove non ci sono autovelox.E’ morto Franco Peluso un distinto signore di Sanza alla guida di un fiorino,aveva 60 anni(foto in alto).Sull’auto una peugeot  a bordo due donne, madre e figlia residenti a San Nicola di Centola,le due donne sono state trasportate all’ospedale di Vallo Della Lucania in gravi condizione. La SS18 è stata chiusa al traffico per consentire le operazioni di soccorso, recupero delle vetture e ripristino della sede stradale.. Il pauroso incidente è avvenuto intorno alle ore 18 di ieri  pomeriggio, nel tratto immediatamente successivo allo svincolo di Omignano.

LA CILENTANA

Il pericolo è costante sulla cilentana fatta malissimo e tunuta peggio.Una strada a scorrimento veloce che taglia in due il parco nazionale del Cilento collegando velocemente il golfo di Policastro e il Vallo di Diano proprio per Sanza.Completata a metà anni 90 rappresenta sempre di più una strada della morte dove capitolano costantemente centinaia di persone.Fondo sconnesso,manutezione ai minimi termini,curve pericolosissime e corsie come una piccola provinciale.E’ tanto utile quanto pericolosa e rappresenta un esempio di degrado amministrativo dove chissà quanti soldi si sono messi nelle tasche in tanti anni senza modellarla nel migliore dei modi.Si continua a morire,tutti i giorni,atutte le ore e sono persone di tutte le età,una guerra.

GLI AUTOVELOX

Insispensabili gli autovelox.Il comune di Agropoli è stato il primo comune a istallarlo con una furia di polemiche enormi senza sapere che su quel tratto da quando è stato messo l’autovelox siè passati da stragi a zero morti.Nel punto in cui fu messo tra Agropoli nord e Agropoli sud ci furono 10 morti in due anni,quattro una sola volta,la presenza dell’autovelox ha azzerato completamente le morti per incidenti.Sono state toccate le tasche degli automobilisti e tutto ha funzionato nel migliore dei modi.I ricorsi e le polemiche non sono mancati ma in special modo sono mancati i morti e questo vale più di qualsiasi altra considerazione.Quella che è considerata una stratega per fare soldi si è rivelata un salvavita straordinario,lo dicono i numeri.E anche altri comuni si sono poi adeguati.L’unico modo per salvare vite umane sulla strada di guerra sono gli autovelox.Sergio Vessichio

LA GALLERIA FOTOGRAFICA DELL’INCIDENTE

LE FOTO SONO DI ONDANEWS.IT

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.