CRONACA

CASTELLABATE I SOSPETTI DELLA PROCURA SULLE PRESUNTE INFILTRAZIONI DELLA CAMORRA

CASTELLABATE. II magistrati di Vallo della Lucania vogliono vederci chiaro.La procura sta setacciando attentamente le operazioni edilizie del comune.L’ombra della camorra dietro una delle lottizzazioni scoperte dai carabinieri forestali nel comune di Castellabate. L’inchiesta della Procura di Vallo della Lucania, dopo il sequestro di 15 corpi di fabbrica per un totale di circa 150 appartamenti nelle frazioni San Marco, Alano e Ogliastro, si sta allargando oltre i confini della provincia. Sotto la lente degli inquirenti alcuni legami tra costruttori (che stanno investendo a Castellabate) con alcuni clan della provincia di Napoli. Le indagini sono ancora in una fase iniziale. L’inchiesta è partita a seguito del blitz dei carabinieri forestali che ha portato al sequestro di enormi mostri di cemento a pochi passi dal mare. Lottizzazioni abusive in aree di grande interesse naturalistico. La Procura vuole vederci chiaro, individuando tutti i responsabili dello scempio ed eventuali legami con la criminalità organizzata. La prima fase delle indagini è stata finalizzata all’accertamento della documentazione prodotta per la realizzazione delle strutture. E lunedì mattina il sostituto procuratore Vincenzo Palumbo ha ordinato una serie di perquisizioni. I carabinieri delle compagnie di Vallo della Lucania e Agropoli hanno fatto visita contemporaneamente agli uffici comunali di Castellabate, agli uffici del Suap di Vallo della Lucania, agli uffici della Soprintendenza a Salerno e alle abitazioni di Nicoletta Adelio (responsabile ufficio tecnico del Comune di Castellabate), Andrea Galzerano (dipendente dell’ufficio tecnico), Antonio Santoro (responsabile Suap di Vallo della Lucania), Domenico Palladino(funzionario della Soprintendenza), Maurizio Forziati (dell’ufficio paesaggistico del Comune), del geometra Antonio Florio e dell’ingegnere Costabile Ianni. Tutti, a vario titolo, sarebbero coinvolti nell’inchiesta sulle lottizzazioni. Questi nomi, va precisato, nulla c’entrano però con le indagini su eventuali legali con la camorra. Vincenzo Rubano

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.