CRONACA

NEL CILENTO COLTELLATE ALLA MADRE ORA ESCE DAL CARCERE MINORILE

Ha lasciato il carcere minorile di Nisida dove era rinchiuso dallo scorso giugno quando nel Cilento , in preda ad un raptus, afferrò un coltello e lo sferrò contro la madre colpendola ripetutamente, ed è finito in comunità. Ora potrà tornare a scuola e dovrà affrontare un percorso di volontariato il 17enne cilentano finito lo scorso 12 giugno dietro le sbarre con la pesantissima accusa di tentato omicidio aggravato dai futili motivi nei confronti della madre. La messa alla prova è stata autorizzata dal gup del tribunale per i minori davanti al quale l’adolescente si è presentato per il giudizio con il rito abbreviato. Già nel corso dell’interrogatorio celebratosi lo scorso settembre il ragazzino si dichiarò pentito per quanto accaduto affermando allo stesso tempo, di avere i ricordi confusi in merito a quella sera.

Nel corso dell’interrogatorio chiese scusa più volte ai suoi genitori affermando però di non essere in grado di raccontare i raccapriccianti particolari di quella follia omicida che lo portò a sferrare ripetute coltellate al collo della genitrice facendola finire in un letto di ospedale in gravissime condizioni. Il minore ha sempre confermato ogni addebito spiegando di aver agito in preda ad un raptus

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.