CRONACA

PER LA MORTE DEL PICCOLO LUIGI MARINO INDAGATI I GENITORI

Sono giorni di dolore e di sconforto per Montesano sulla marcellana il piccolo centro del vallo di diano dove il piccolo Luigi Marino è morto schiacciato da una cisterna.L’avviso di garanzia arrivato al padre Michelangelo e alla madre Antonella.Ma all’inchiesta aperta dalla procura della repubblica di Lagonegroi genitori del piccolo non ci pensano proprio.Il momento è delicato.

 

La Procura di Lagonegro ha disposto l’autopsia sul piccolo Luigi Marino,solo dopo si deciderà il giorno dei funerali.Luigi Marino ha perso la vita nella prima serata di mercoledì a causa delle ferite riportate dallo schiacciamento di una cisterna di acqua. Seondo gli inquirenti nel pomeriggio di mercoledì Michelangelo, pizzaiolo originario di Sanza, la moglie Antonella di Sassano e il figlio Luigi – per una delle prime volte – vanno nel terreno nei pressi dell’abitazione per innaffiare le coltivazioni. Su un carrello con due ruote e di metallo sono posizionate due cisterne da riempire con l’acqua. Una ne ha già a sufficienza, viene riempita l’altra. Ma qualcosa non va per il verso giusto, il carrello si piega in modo anomalo, una cisterna cade. Crolla addosso a Luigi. Una cisterna di circa dieci quintali su un corpo di – forse – neanche venti. L’ipotesi è che il bambino fosse in piedi sul carrello quando è stato travolto dalla cisterna.

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.