CRONACA

TRENO URTA UN CAMION NEL TORINESE MORTO IL MACCHINISTA TRE FERITI GRAVI

Bilancio di una decina di feriti tra cui il guidatore del tir e tre gravi,due morti.L”autista del Tir non ha rispettato la segnaletica e questo è stato confermato prorio dalle ferrovie dello stato.Sciagura ferroviaria a Caluso sulla linea Torino-Ivrea-Aosta. Un Tir e un treno si sono scontrati poco prima delle 23.30 a un passaggio a livello all’altezza della frazione Are. Il bilancio secondo i primi dati è di un morto (il macchinista del convoglio) e venti feriti, tre dei quali in gravi condizioni (una è la capotreno). Due vagoni dei tre che componevano il treno e la motrice sono deragliati. Nella corsa fuori dai binari è stato abbattuto anche un palo della luce. Il treno si è fermato nel cortile di un’abitazione attigua alla ferrovia.
Caluso, treno deraglia dopo scontro con un tir. Il testimone: “La colpa dell’incidente è del camionista”

Secondo una prima ricostruzione un Tir partito dalla Repubblica Ceca e adibito a trasporti eccezionali (trasportava cointainer) avrebbe attraversato il passaggio a livello nonostante il semaforo stesse gia lampeggiando per annunciare l’arrivo del convoglio 10027 partito dalla stazione di Torino Porta Nuova alle 22.27 e diretto a Ivrea, ultima corsa della giornata. Secondo le ferrovie a bordo c’era una quarantina di passeggeri. Lo scontro è stato inevitabile ed è stato l’inferno, nonostante il macchinista, la vittima accertata della sciagura, abbia azionato il freno d’emergenza per ridurre il più possibile l’impatto.
Caluso, scontro tra tir e un treno: le immagini del convoglio deragliato
Navigazione per la galleria fotografica1 di 15

A coordinare le indagini è arrivato il procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando che, assistito dal comandante provinciale dei carabinieri Emanuele De Santis, ha raccolto le prime testimonianze di chi ha visto la morte in faccia ma se l’è cavata con qualche contusione e tanta paura. Tra loro un militare partito dal Trentino che stava andando a trovare la fidanzata ad Aosta: “Ero sul terzo vagone, ho sentito vibrare tutto. Vibrava sempre più forte e ho capito che stavamo deragliando. Poi ho sentito un boato fortissimo. Io per fortuna sono riuscito a tenermi saldo e non sono ferito”.

L’autista del Tir, che è rimasto illesto nello scontro, è stato sottoposto all’alcoltest, per capire se avesse bevuto o guidasse sotto l’effetto di sostanze stupefacenti perché dai primi accertamenti viene escluso un malfunzionamento del meccanismo che regola le sbarre del passaggio a livello. Che però dopo lo scontro è andato in tilt: a due ore dallo scontro la campana continua a suonare e i due fari rossi lampeggiano alternati.
Il Tir era scortato trattandosi di un trasporto eccezionale. . “Stavo facendo segno all’autista di passare e la luce è diventata rossa all’improvviso. Allora mi sono messo ad urlare alla radio. Gli ho detto di tornare indietro perchè non ce l’avrebbe fatta a far passare tutto il cassone. Lui ha messo la retro ma in quel momento la sbarra è venuta giù ed è rimasto incastrato in mezzo al passaggio a livello”. E’ il racconto di uno degli uomini della scorta tecnica per il trasporto speciale.Al quale si aggiunge quello dell’autista del secondo Tir, anche lui lituano: “Quando hanno visto lampeggiare il passaggio a livello sono passati solo tre secondi prima che si abbassasse la

sbarra. A quel punto la motrice era passata ma il rimorchio no. Poi dopo cinque minuti in cui non si sapeva cosa fare hanno visto arrivare il treno e l’impatto è stato micidiale”. Il convoglio speciale, che aveva già percorso mille chilometri, era a dieci chilometri dalla destinazione. Un capannone dove avrebbero dovuto scaricare i container che adesso, invece, giacciono, sparpagliati nei prati attorno alla ferrovia diventata un campo di battaglia.

comunicato stampa
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.
http://www.agropolinews.it/