EDITORIALE POLITICA

IL PRIMO MINISTRO CONTE A VALLO DELLA LUCANIA PER PARLARE DELLA GRANDE LUCANIA ,VERGOGNATEVI di Sergio Vessicchio

Conte ad Agropoli nel caseificio la Contadina sul lungomare san Marco(repertorio estate 2018)

Il colmo.Il primo ministro del governo italiano viene a Vallo della Lucania il 29 novembre per parlare della grande lucania.Sono 100 i sindaci che dovrebbero sottoscrivere un cartello.Il tutto sarebbe stato favorito dal senatore ex di Forza Italia e traghettato nel movimento degli incapaci nazionali,i cinque stelle,il quale da tempo ha in testa azioni scissioniste.Pensate un po questi che vanno ad organizzare. Scomodano il presidente del consiglio dei ministri per parlare di secessione invece di invitarlo per cose serie e concreto.Invece di farlo venire perchè la sanità è allo sfascio con ospedali chiusi(Agropoli) altri che cadono a pezzi(Vallo della Lucania) con interi territori senza assistenza sanitaria.Invece di prospettargli la situazione relativa alla giustizia con un tribunale sulla strada della chiusura e con casi che non riescono ad avere una soluzione,omicidio Vassallo in primis,invece di parlargli della questione relativa alla sicurezza con caserme depotenziate e un Cilento senza un commissariato di polizia,invece di parlargli dello spopolamento dei centri interni del Cilento,invece di parlargli della viabilità che nel Cilento è a rischio ovunque e i collegamenti sono sempre più scadenti,invece i farlo venire per argomenti e problemi seri lo convocano per parlare della grande lucania e lui stupidamente ci viene pure.Li sta pure a sentire.I loro municipi sono covi di disoccupati,di gente senza ne arte ne parte,di persone che non vanno a scuola e via dicendo e loro pensano alla grande lucania. Al peggio non c’è mai fine.Il barile è stato raschiato.E così il 29 novembre vedremo seduti al tavolo di Conte i soliti noti.

 

L’inutile presidente del parco,il sindaco di Sassano,comunista verniciato di verde e ora scappato nelle braccia di Renzi.Uno che fa male il sindaco a Sassano e che fa peggio il presidente del parco nazionale del Cilento e Vallo di diano.Un presenzialista sempre alla ricerca di poltrone e visibilità.Troveremo il presidente della provincia altro ente ormai inutile per colpa di Renzi,troveremo i soliti sinistroidi pronti ad acclamare un primo ministro grillino,non eletto da nessuno ed espressione dell’incapacità nazionale.Questi sono i politici di oggi.Invece di affrontare i problemi li troviamo a discutere di come spezzettare geograficamente un territorio.D’altra parte organizza Castiello uno mai eletto nella politica di gente intelligente e arrivato al senato guarda un po con i grillini il quale si è visto scappare l’unico consigliere comunale della sua città Miraldi schifato ha gettato mandato  e tessera in faccia al movimento.Questo Cilento,questa grande Lucania Conte può anche pensare di aggregare ma presto resteranno capre e ciucci a parlare di grande lucania perchè questi sindaci con Castiello in testa saranno spazzati dagli elettori alle prossime elezioni.Sergio Vessicchio

admin
Sergio Vessicchio blogger, youtuber, social media manager attivo per stampa televisiva, carta stampata, siti web, opinionista televisivo, presentatore, conduttore.