EDITORIALE

LA BIBBIA: L’INVENZIONE DI SODOMA E GOMORRA di Giovanni Coscia

E’ nel corso dei secoli che l’umanità ha ricevuto notizie del suo passato, attraverso il cosiddetto LIBRO SACRO. Ovvero quella Bibbia, dove vengono riportate e raccontate storie avvenute nei secoli prima di Cristo. E scorrendo tra quelle pagine, tutti rammentano le città distrutte di Sodoma e Gomorra. Una attentissima lettura, porta invece a sviluppi davvero sconcertanti, in virtù di traduzioni letterali, ad personam, che conducono a sviluppi completamente opposti a quanto raccontato sino ad oggi. Ciò che noi conosciamo è quanto scritto in relazione alla volontà di Dio, di distruggere le due città, in quanto a Sodoma e Gomorra,  gli abitanti, non solo non seguivano gli insegnamenti di Dio, ma avevano comportamenti irriverenti tra loro;non seguivano i suoi insegnamenti, nonché avvezzi ad usi, costumi ed  abitudini che violavano in ogni sua parte gli insegnamenti cosiddetti “divini”.

Sia chiaro, legittimo ed esplicito, che non vi è nulla di mio o di personale su quanto verrà esposto in questo mio scritto, ma essendo attento a ciò che viene riportato nella Bibbia, mi sono soffermato su ogni singolo aggettivo e su ogni singolo concetto espresso nel dialogo avvenuto tra Abramo e il/loYahwhe, (il Dio del popolo ebraico) il quale, (quest’ultimo) avrebbe ordinato la distruzione di Sodoma e Gomorra. In pratica così come su esposto si enuncia che durante un incontro avvenuto tra lo stesso Abramo e il Dio Yahwhe, lo stesso Yahwhe, riferisce ad Abramo che “MI SONO ARRIVATE DELLE VOCI SU COSE CHE SI VERIFICANO E SI FANNO A SODOMA E GOMORRA E QUINDI VOGLIO ANDARE PROPRIO A VEDERE SE QUESTE COSE SONO VERE”. (Dio). E Abramo, così come viene riportato nelle scritture, sostenendo Dio, acconsentendo alle sue parole conviene nel distruggere Sodoma e Gomorra. Però, se li vi sono almeno “50 giusti”, riferì Abramo, possiamo evitare di ammazzarli tutti. Insomma una sorta di patteggiamento. In vero, va sottolineato che lo stesso Dio non sa quanti giusti ci sono, altrimenti Dio stesso, avrebbe dovuto riferire ad Abramo che di “giusti” non ce ne sono. Invece con questa presunta affermazione si giunge ad un patteggiamento. Così, Dio e Abramo, (così viene riportato dalla bibbia), si mettono in cammino e raggiungono Sodoma, dove in città trovano Lot, nipote di Abramo, sulla porta di casa, seduto insieme ad altri maggiorenti o referenti della città, li vedono arrivare e capiscono subito che appartengono a quel gruppo, Lot vuole riceverli in casa propria,  mentre gli altri vogliono linciare. In tanto, Lot riesce a salvare i due (Dio e Abramo) li pone in salvo nella sua casa e inizia la discussione sulle abitudini di Sodoma. Così come ci è stato tramandato attraverso le scritture, il giorno dopo, la città viene data alle fiamme, con fuochi che giungevano dal cielo e distrugge tutto. Ma in realtà sappiamo perché Sodoma è stata distrutta? Perché come dice la Bibbia erano sporcaccioni sodomiti (così si chiamano gli abitanti di Sodoma). Purtroppo, a differenza di quanto viene riportato nelle sacre cosiddette scritture, nel Deuteronomio c’è scritto il motivo ed il perché la città di Sodoma è stata distrutta. “PERCHE’ HANNO ABBANDONATO L’ALLEANZA CON YAHWHE.  Quindi un altro capo territoriale; Una sorta di nuovo gestore con nuove condizioni dettate al popolo. Perché quindi inventarsi una storiella sulla distruzione dei sodomiti, quando nella bibbia, nel deuteronomio, c’è scritto esattamente il perché?. Perché la necessità dei teologi di inventarsi una storiella tutta nuova a proprio piacimento, quando la realtà dei fatti viene raccontata con esattezza e precisione minuziosa? “HANNO ABBANDONATO L’ALLEANZA DI YAHWHE, ELHOYM DEI LORO PADRI, CHE EGLI AVEVA STRETTO CON LORO QUANDO USCIRONO DALLA TERRA D’EGITTO E QUESTI SONO ANDATI A SERVIRE ALTRI ELHOYM PROSTRANDOSI DINANZI A LORO.” Elhoym che non avevano conosciuto e che non avevano avuto insorti. Per tirarla in breve, avevano i sodomiti, cambiato gestione politica, se così vogliamo metterla e l’ira di chi era stato abbandonato, ha distrutto Sodoma. E quali fuochi giungevano dal cielo? Lo stesso Deuteronomio, parla inequivocabilmente di “carri di fuoco che solcavano il cielo, con forme rotonde abbatterono la città di Sodoma.  Ai lettori la logica traduzione ed interpretazione.Giovanni Coscia

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.