EDITORIALE POLITICA

L’INCARICO A DI MAIO SAREBBE UN COLPO DI STATO,SI RISCHIA LA GUERRA CIVILE di Sergio Vessicchio

L’elezione ha dato un chiaro riferimento.Gli italiani,tenendo conto della legge elettorale “Rosatellum”,hanno indicato nella coalizione di centro destra l’aggregazione politica dalla quale vogliono farsi amministrare.I  grillini hanno conseguito  un autorevole e importante risultato ma sono arrivati secondi,hanno perso.E come se una squadra ha fatto un grande campionato,giocando un calcio meraviglioso ma arriva seconda.E’ giusto tener conto delle loro istanze ma devono trasferirle al governo di centro destra che ne deve fare tesoro perchè il 33% dato ai grillini è stato una richiesta chiara di cose da fare. Se ci dovesse essere al governo un’altra aggregazione che non rappresenta l’indicazione popolare sarebbe un colpo di Stato.I grillini  fanno confusione perchè se il premio di maggioranza lo davano al primo partito lega e forza Italia con la Meloni presentavano un unico simbolo e partito e amministravano prima.Purtroppo i pentastellati  non vogliono capire ma la realtà è questa.Non ci può essere governo senza il centro destra altrimenti  si deve andare alle urne.Sarebbe un colpo di Stato dare l’incarico a Di Maio.Lo dicono i numeri .Dare l’incarico di formare il governo a chi ha perso le elezioni è un’azione bulgara,sovietica e non rappresenta la democrazia repubblicana  italiana.La costituzione va rispettata è vero,quindi trattandosi di una repubblica parlamentare può uscire una maggioranza non eletta dalla gente come con Letta,Renzi e Gentiloni e quindi sarebbe un imbroglio,una truffa politica agli elettori  e sarebbe molto pericoloso. Nelle ultime ore l’avanzata mediatica dei grillini che senza vincere gridano di voler ottenere l’incarico è chiaramente una strategia  per condizionare il Capo dello Stato e l’opinione pubblica.Questo è molto grave perchè con l’aiuto di televisioni e giornalisti compiacenti stanno facendo passare un messaggio menzognero,fasullo.Non dare l’incarico al centro destra e consentirgli di fare un governo con aiuti  e appoggi esterni di partiti che hanno a cuore le sorti della nazione rappresenta uno scippo,un colpo di Stato che potrebbe scatenare una guerra tra opposte fazioni.I forconi(ve li ricordate) già sono i preallarme e potrebbero bloccare l’Italia dalle autostrade alle ferrovie,dagli aereoporti alle scuole, ma questa volta, nelle stanze dei bottoni dove stavano arrivando la volta scorsa  prima di essere fermati,ci entrano e li cacciano.Questa volta sarebbe difficile fermarli.Dal nord agricoltori,imprenditori,gente comune che ha perso cari per la mala giustizia pronti a scendere in piazza,pronti a sostenere un’azione lineare di Mattarella.Dal sud la disperazione di persone che investono,che hanno figli da sistemare,dove c’è una sanità precaria e molti hanno votato i grillini per il reddito di cittadinanza,sarebbero pronti a scendere in piazza affinchè si dia la possibiilità al centro destra di fare il governo e far ripartire subito l’Italia.Gli inciuci che grillini,comunisti,sinistra vogliono fare è un colpo di Stato e questa volta si rischia la guerra civile.Sergio Vessicchio

GRILLINI SCONFITTI E VI STANNO ANCORA IMBROGLIANDO di Sergio Vessicchio

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.