TUTTO JUVE

Tutto Juve

Palazzo Dogana





banner sergio

AGROPOLI,QUESTA VOLTA TRUFFATA UN’ALTRA ANZIANA IN PIENO CENTRO ORA E’ ALLARME TRUFFE

E’ ancora allarme truffe nel comune cilentano. L’ultima andata in porto si è registrata ieri. I malviventi hanno presa di mira un’anziana residente in un parco di via Petrarca, in pieno centro cittadino.I truffatori hanno usato il solito trucco dell’incidente occorso ad un familiare: in questo caso un uomo, fingendosi un avvocato, ha telefonato a casa della vittima dicendo che la figlia aveva causato un incidente e che erano necessari dei soldi per riparare il danno. Viene quindi annunciata la visita di una seconda persona per ritirare il denaro. La truffa è stata orchestrata nei minimi dettagli: chi ha agito, infatti, non solo conosceva il nome della figlia dell’anziana ma anche il suo numero di cellulare. La malcapitata, non immaginando il raggiro, ha consegnato circa tremila euro.Stando al racconto di alcuni residenti pare che i malviventi, per evitare che fossero chiamati i carabinieri, abbiano messo fuori uso i telefoni fissi di gran parte delle abitazioni presenti all’interno del Parco.FONTE INFOCIILENTO.IT

AGROPOLI,DA STASERA A DOMENICA AL CINE TEATRO EDUARDO DE FILIPPO “FAMIGLIA ALL’IMPROVVVISO”

DAL 19 AL 21 MAGGIO orari: 19:15 / 21:30

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAPACCIO PAESTUM,IL SINDACO VOZA SULLA FRECCIAROSSA AD AGROPOLI,OCCASIONE IMPORTANTISSIMA PER TUTTI,FAREMO LA NOSTRA PARTE”/GLI ORARI

E’ un’occasione di sviluppo e di crescita ma anche un’apertura importante per i Templi di Paestum,l’area archeologica e tutto il nostro comune.Il Frecciarossa è una grande conquista e da tempo ne avevo parlato con Alfieri”.Il sindaco di Capaccio Paestum Italo Voza esprime grande soddisfazione per la fermata del Frecciarossa ad Agropoli a partire dall’11 giugno.”Dobbiamo tutti sfruttare al meglio questa circostanza e dovremo ripensare a più fermate e ad un rafforzamento del servizio.Ho già detto Alfieri e De Luca che il nostro comune farà la sua parte in tutto e per tutto”.Già definiti anche gli orari delle corse del convoglio Sapri-Milano Centrale, viaggio che durerà circa 6 ore e 50 minuti e avrà come fermate Bologna Centrale, Firenze Santa Maria Novella, Roma Tiburtina, Roma Termini, Napoli Centrale, Salerno e gli scali cilentani. Per Salerno ci vorranno 5 ore e mezza di viaggio dal capoluogo lombardo, 25 minuti da Salerno ad Agropoli, 50 minuti (con un risparmio di circa 20 minuti rispetto ad un regionale) da Agropoli a Sapri.La prima partenza è alle 7.20 da Milano con arrivo alle 13.22 ad Agropoli, 13.36 a Vallo della Lucania, 14.11 a Sapri. Il ritorno è previsto alle 14.56 da Sapri, 15.24 da Vallo della Lucaia, 15.39 da Agropoli.

TENNIS,L’AGROPOLESE DELLA TORRE VINCE IL TORNEO KINDER LE NOTIZIE SU SPORTFOREVER.IT

Matteo Della Torre, del Tennis Village di Agropoli, si è aggiudicato il trofeo Kinder, under 11, svoltosi sui campi del T.C. Battipaglia.Tutte le notizie sul nostro sito www.sportforever.it http://www.sportforever.it/altri-sport/tennis-lagropolese-della-torre-vince-il-trofeo-kinder-a-battipaglia/

SCONTRO TRA PONTECAGNANO E BATTIPAGLIA 2 FERITI

Incidente stradale questa mattina in via Aldo Moro tra Pontecagnano e Battipaglia. Scontro frontale tra due auto una Ford Kuga bianca e un Opel Corsa vecchio modello. Nell’impatto rimaste ferite in modo grave due persone, due sorelle che viaggiavano a bordo di una delle vetture coinvolte nell’incidente. Sul posto le ambulanze del Vopi che hanno trasportato le due sorelle  al Ruggi dove i sanitari hanno riscontrato un trauma cranico per una ed un trauma toracico per l’altra.  Ferite lievi per il conducente dell’altra auto

CAPACCIO PAESTUM,INAUGURATA NEL MUSEO LA MOSTRA”RITORNO DAL CILENTO”

Presso il Museo Archeologico di Paestum, la Soprintendenza ABAP per le province di Salerno e Avellino con il Centro Studi Giovanni Previtali, l’Università degli Studi di Salerno, il Parco Archeologico di Paestum ed il Polo Museale della Campania la mostra Ritorno al Cilento inaugurata ieriIl progetto scientifico è curato dal Prof. Francesco Abbate, emerito studioso della cultura artistica in Italia meridionale, oggi Presidente del Centro Studi sulla Civiltà Artistica dell’Italia meridionale Giovanni Previtali, e dal dott. Antonello Ricco. Si tratta di un evento culturale che si pone in diretta continuità con le precedenti mostre: Il Vallo ritrovato 1989, Il Cilento ritrovato 1990 e Visibile Latente 2004. Questa mostra ha fatto sì che si creasse una significativa sinergia tra il Centro Studi Giovanni Previtali e l’Università degli Studi di Salerno, ai quali si deve la maggior parte delle ricerche, e tutti gli Istituti del MiBACT operanti sul territorio, ossia il Parco Archeologico di Paestum che ospita, la Soprintendenza ABAP che fornisce l’ossatura del supporto logistico, organizzativo ed operativo della mostra ed il Polo Museale della Campania, al quale la Riforma del Ministero ha attribuito le competenze relative alla Valorizzazione.Le opere in esposizione provengono tutte da istituzioni ecclesiastiche del Cilento e del Vallo di Diano, chiese, conventi, musei, delle Diocesi di Teggiano e di Vallo della Lucania. Particolarmente preziosa è stata la sensibile disponibilità dei due vescovi, S.E. Mons. Antonio De Luca Vescovo della Diocesi di Teggiano-Policastro, e S.E. Mons. Ciro Miniero, Vescovo della Diocesi di Vallo della Lucania, la collaborazione dei rispettivi Uffici per i Beni Culturali diocesani, e dei singoli parroci e dirigenti di istituti.

 

CAPACCIO PAESTUM,SCOPRE I LADRI NEL CAPANNONE E VIENE AGGREDITO

CAPACCIO PAESTUM. Sorprende ladri nel capannone e viene aggredito. Notte da incubo per il 40enne Fausto Nicoletti, operaio residente in località Rettifilo di Capaccio Paestum. L’uomo, intorno alle ore 3:30 di stamane, destato nel sonno da alcuni rumori sospetti provenienti dall’esterno della sua abitazione in Via Ugo La Malfa (nella foto), è uscito in pigiama nel giardino ritrovandosi davanti, nel capannone, due ladri, con il volto travisato, intenti a rubare attrezzi agricoli, alcuni elettrodomestici usati e due biciclette. Tra malviventi e proprietario dell’abitazione è scattata così una colluttazione, con i due complici che hanno ferito alla testa il 40enne con una grossa pietra prima di darsi alla fuga sul retro, abbandonando al refurtiva in un campo coltivato retrostante, dal quale si erano intrufolati tagliando una rete di recinzione esterna. L’uomo è rimasto privo di sensi, nel giardino davanti alla villetta, per circa un’ora, ovvero fino a quando i familiari e la giovane moglie, notata la sua assenza in casa, lo hanno poi rinvenuto privo di sensi nel giardino, guidati da tracce di sangue per terra. Sotto choc per l’accaduto, hanno allertato il 112, e sul posto sono giunti tempestivamente i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile, diretti dal m.llo Luca Fortunato, e del Nucleo Operativo, agl’ordini del m.llo Carmine Perillo, che hanno sequestrato il sasso ed eseguito tutti i rilievi del caso con il coordinamento della Compagnia di Agropoli, comandata dal cap. Francesco Manna, che ora indagano sull’accaduto. Il 40enne è stato soccorso dall’equipe dell’unita rianimativa della Croce Azzurra di Capaccio Paestum, che lo hanno trasportato all’ospedale ‘San Luca’ di Vallo della Lucania per le cure del caso. FONTE STILETV

PRIGNANO CILENTO,OGGI RIAPRE,DOPO 15 ANNI, LA CHIESA DEI SANTI COSMA E DAMIANO,ARRIVA IL VESCOVO MA C’E’ ANCORA TRISTEZZA

Prignano Cilento .Venerdì 19 maggio,dopo circa 15 anni viene riaperto al culto il santuario dei SS Cosma e Damiano. Alle ore 18.30 alla presenza del Vescovo monsignor Ciro Miniero. I lavori sono stati effettuati con fondi comunali e con altri fondi raccolti tra la popolazione. I lavori hanno interessato la copertura che era parzialmente crollata e che è stata rifatta in pegno lamellare. Anche l’interno e’ stato rifatto dalle mura alle panche, porte e impianto elettrico.Il sindaco Cantalupo : “Si risolve così un problema che da anni era irrisolto e che altre amministrazioni non avevano saputo porre rimedio”.Sarà il vescovo Ciro Miniero a benedire il taglio del nastro,è attesa la folla delle grandi occasioni in una  comunità ancora colpita per la morte di Francesca Buono per la quale è stata anche organizzata una fiaccolata domenica sera.

AGROPOLI,INVESTE UN BAMBINO DAVANTI ALLA SCUOLA E SCAPPA,LA MADRE:”AIUTATEMI A RITROVARLO”


Erano le 13,25 di ieri quando un bambino uscendo dalle scuole in via Romanelli è stato investito probabilmente da una Peugeot 2008.L’uomo che stava al volante non si è fermato.Il ragazzino ha riportato una contusione alla gamba e ora è sotto shock ma è tornato a casa.Ora la madre la signora Barbara Tarallo vuole sapere chi è e perchè non si è fermato: “Mio figlio è uscito dalla scuola media “G.Rossi Vairo”, dall’uscita secondaria lato fiume, è stato investito da un’auto bianca in sorpasso sulle strisce pedonali. Il ragazzino è mio figlio. L’investitore è fuggito. Chiunque avesse visto o fosse a conoscenza del fatto è pregato di dirmelo, può contattarmi in chat privata o rivolgersi ai carabinieri . Grazie. Condividete il più possibile, non è possibile che nessuno abbia visto… Niente telecamere, nessun vigile”.La disperazione della signora Barbara è di grande comprensione.Fortuna che suo figlio sta bene ma ad Agropoli si corre troppo e non si rispettano le regole.In ogni caso chiunque sappia qualcosa può mettersi in contatto anche per sapere il perchè non si è fermato.

CAPACCIO PAESTUM,BAGNO DI FOLLA PER ITALO VOZA A LAURA

Si è tenuto ieri, presso l’Hotel Ariston, l’incontro del Sindaco e di alcuni candidati delle sue liste, con la contrada Laura. Tanta gente presente e tanti i temi toccati dal Primo Cittadino, dalle cose fatte a quelle che, in caso di rielezione, l’amministrazione si pone come obiettivi da raggiungere. Ecco, in sintesi, l’intervento di ieri:” Quello che sento, come mio dovere, in qualità di Sindaco, è dare risposte alle domande dei cittadini. Il Sindaco è scelto dal Popolo e questo lo ritengo un privilegio perchè è la gente che sceglie l’uomo come interlocutore diretto ed è giusto che si aspetti, come detto, delle risposte concrete e io ne sento la responsabilità. In questo quinquennio abbiamo fatto tante cose, tante altre ne dovremo fare, ma vorrei che alcune fossero riconosciute. La piscina comunale, ad esempio. Il Progetto c’era, ma era in un cassetto, con una spesa preventiva di 5 milioni di Euro, ed era fuori portata. Abbiamo fatto tanti sforzi per sottodimensionare l’opera e portarla a 3 milioni affinchè si realizzasse e per questo mi corre l’obbligo di ringraziare il Governatore De Luca che ci ha accompagnato durante l’iter dandoci le indicazioni giuste. Ora è una realtà, con tanti bambini che ne usufruiscono. Ancora, la centrale Biomasse. Al di la di qualche…maglietta esibita, con una scopa se non ricordo male, noi abbiamo agito,  ci siamo fatti sentire e ricevere nelle più alte sfere aprendo un contenzioso su una lottizzazione abusiva che ha fatto decadere il finanziamento statale per la centrale. Ancora: in questi giorni si accenderà la fiammella del Metano, opera decennale. Questo permetterà in primis di salvaguardare l’ambiente e in secondo luogo permetterà a famiglie e imprese di risparmiare fino al 35% sulla bolletta. Il collaudo è finito, ma io non farò…passerella, non ci saranno cerimonie. Lo riterrei fuori luogo. In questi anni siamo cresciuti, l’imprenditoria privata è ormai un fiore all’occhiello di Capaccio Paestum. Abbiamo alberghi a 5 stelle e io ringrazio questi impreditori che hanno rischiato investimenti e che hanno contribuito, come detto, alla nostra crescita e a quella di un turismo di qualità. Quando abbiamo inziato la nostra amministrazione c’erano parecchie…grane erditate da quelle precedenti. Elenia Paestum fallita, contenziosi da milioni di euro.  Ci siamo rimboccati le maniche e, con un bilancio certificato dai revisori dei conti, abbiamo realizzato opere per 30 milioni di euro. Un risultato che tutti avremmo sottoscritto alla vigilia, ma sicuramente non basta e ne siamo consci. Dopo 50 anni siamo diventati titolari di zone ed edifici grazie al Federalismo Demaniale e a fronte di un debito di 3 milioni per gli affitti di queste zone ed edifici abbiamo, credo, risolto il contenzioso con 200mila euro, frutto di economie e sacrifici. Ecco, si può dire che il Sindaco non è bravo, che potrebbe fare meglio, ma quello che voglio mi sia e ci sia riconosciuta è l’onestà. In ultimo vi do delle cifre: l’opera del Cafasso 400mila euro, la scuola Vannulo 700mila euro, tutti pagati dal bilancio. Abbiamo tolto i camion dell’immondizia da sotto i palazzi che tanti disagi creavano. Abbiamo dato una casa alla Polizia Municipale risparmiando 40mila euro di fitto annuale. Tema sicurezza: c’è tanto da fare e sono stato dal Prefetto per questo incremento dei furti. Abbiamo ottenuto la presenza, non costante, ma saltuaria, di agenti delle Digos per il pattugliamento di zone a rischio e ci doteremo di 100 telecamere a Led di ultima generazione che monitoreranno tutto il territorio” Non poteva mancare, essendo un’incontro con la contrada Laura, un accenno al progetto che riguarda la zona marittima. Ecco cosa ha detto il Sindaco:”Dobbiamo cominciare con un progetto leggero e quindi illuminazione a giorno dal Nettuno al Lido Clorinda e realizzeremo un parcheggio pulendo per circa 3 metri l’incannucciato e le sterpaglie. Renderemo la zona pedonale e ciclabile con fiori a contorno” C’è tempo per una battuta, prima delle rituali e numerose strette di mano…” Mi sono preso la briga di andare su Wikipedia e, visto che giornalmente mi si dice…ma le strade non si asfaltano? A parte che molte sono state afaltate ma sentite qua: Comune di Capaccio circa 200 km di strade….Comune di Giungano 11 km ” E un sorriso chiude l’incontro con la Contrada.Carlo Marrazza

CAPACCIO PAESTUM,POLITICA FA TUTTO LA FIGLIA DI PASQUALE MARINO E FRANCO PALUMBO LA SEGUE,NE HANNO PER CHIUNQUE

Ormai sembra lei la candidata sindaco nella coalizione di 4 liste capeggiata da Franco Palumbo ma sostenuta dalla figlia dell’ex sindaco Marino,Roberta,compagna di Piano candidato e titolare del simbolo di Forza Italia.Organizza comizi,incontri,riunioni,scrive i discorsi del sindaco di Giungano oltre che dirne di tutto e di più sul suo profilo facebook dal quale dispensa “complimenti e carezze” a tutti.I toni coriacei con i quali si dibatte sui social li ha trasmessi al candidato sindaco Palumbo il quale fa tutto quello che dispone lei ormai egemone. Nemmeno quando era candidato il padre,un vero Signore, faceva tutto questo.Lei scrive anche i comunicati stampa relativi alla campagna elettorale di Franco Palumbo e poco ci manca che non si mette a fare i comizi al posto del maresciallo Palumbo.Ma per quale motivo Roberta sta facendo tutto questo? Perchè si è esposta tanto?E cosa ne pensa la gente?I motivi pubblicamente non si sanno ma sotto sotto la persone  cominciano ad enunciarli anche perchè Palumbo di campagne elettorali ne ha fatte  e non si ricorda mai un Palumbo così agonisticamente impegnato.Roberta Marino da tempo ha cominciato ad attaccare la politica capaccese pestana per cui la sua discesa nell’agone elettorale è partita da lontano.Ha candidato Piano nella lista e lei muove i fili e lo fa con una scaltrezza straordinaria da fare invidia ai più astuti politici della prima repubblica.Probabilmente senza la nostra azione giornalistica sarebbe venuta fuori più avanti.Non si muove da sola questo è ormai evidente e intorno a Palumbo ruotano anche degli imprenditori molto noti tra la piana del sele e la valle del calore.Il progetto politico-imprenditoriale  di Palumbo comincia a prendere forma ed è ormai evidente che non si tratta di una candidatura tanto per farla se il maresciallo,o chi per esso, sta mettendo in campo forze  economiche straordinarie per fare una campagna elettorale così dispendiosa.Aggressiva con toni agitati ma anche con fervore e provocazione,attacchi politici a tutti i candidati(qui la regia è di Vanessa),la campagna elettorale del maresciallo giunganese sta entrando nel vivo.Nel mirino naturalmente Italo Voza su tutti,poi Franco Sica e Nicola Ragni i quali tutti e tre non hanno mai alzato i toni in questa campagna elettorale(almeno fino a questo momento) esponendo i programmi senza far emergere gli scontri che pure hanno avuto negli ultimi tempi.Anche Angelo Quaglia ha avuto la sua dote da Palumbo ma questi risponde per le rime mentre il grillino,Palumbo, non lo ha preso proprio in considerazione e anche qui c’è una motivazione precisa perchè sa bene che se  Bernardi fa  il grillino come si deve probabilmente riesce a dire quello che altri non dicono ma francamente  è poca cosa politicamente,un ragazzino messo li da due attivisti grillini( i due sono noti diffamatori di professione dietro le tastiere e se qualcuno sbatte i piedi per terra scappano) i quali per paura di fare un figura da niente fanno divertire il figlio del vigile peraltro simpaticissimo.Insomma Roberta Marino  è riuscita a dare un ruolo a Palumbo in questa campagna elettorale e questo le va riconosciuto ed è le la protagonista di questa competizione. Palumbo contro tutti gli altri candidati.In definitiva chi vota Palumbo vota Roberta Marino e anche quegli imprenditori che lo appoggiano.Peccato che i sondaggi pubblicati il giorno prima della chiusura delle liste,5 giorni fa, lo vedono ancora molto indietro rispetto a Voza e Sica.Ora dopo questo ennesimo articolo verità di certo la figlia di Pasquale Marino di cui non sapevamo nemmeno l’esistenza fino a poco tempo fa e cioè da quando abbiamo cominciato a scrivere della politica all’ombra dei templi,farà partire i soliti attacchi,guarda un po, cominciati quando abbiamo trattato appunto la politica in questo comune,attacchi conditi di falsità e maldicenze,ci fanno solo il solletico.Una cosa è certa sui  trenini non ci siamo  mai saliti  ancora,io salgo solo sulla  Frecciarossa perchè con me si corre i trenini non sono il mio forte, sul trenino  vi metterà il popolo di Capaccio Paestum o verso il comune o verso Giungano.Sergio Vessicchio

CANNALONGA,TROVATI RESTI UMANI,S’INDAGA

Da tre giorni i carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania hanno circoscritto un’ampia zona in località Nocellito nel comune di Cannalonga. L’intervento dei militari sarebbe stato necessario dopo il ritrovamento di alcuni resti umani. Sulle indagini vige il massimo riserbo. Poche le notizie trapelate. Dai militari non è arrivata alcuna conferma alle indiscrezioni che sono arrivate in paese. Unitamente ai carabineri di Vallo della Lucania al comando del capitano Mennato Malgieri nel centro cilentano, situato a pochi passi da Vallo della Lucania, stanno lavorando gli uomini della scientifica di Salerno e il nucleo cinofilo. Un via vai di militari che non è passato inosservato nel piccolo centro cilentano. “Un indagine delicata” ribadiscono da più parti, su cui si sta concentrando il lavoro dei militari e la curiosità della comunità locale. Le indagini sono coordinate dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Vallo. Secondo le prime indiscrezioni l’allarme sarebbe scattato qualche giorno fa. Tre o quattro al massimo. Durante dei lavori per sistemare una palizzata sarebbero state rinvenute prima delle scarpe sotterrate nel terreno e subito dopo resti di un cadavere. Il tutto sarebbe stato trovato scavando in aperta campagna. Località Nocellito è situata lontano dal centro abitato. É una zona impervia che si trova in collina alle spalle della diga del Carmine. La zona da tre giorni e off limits. A chiunque si avvicina i militari chiedono i documenti. In paese da giorni gira la voce del ritrovamento dei resti di un cadavere anche se la presenza massiccia dei carabinieri ha alimentato non poche ricostruzioni delle indagini in corso. Qualcuno avrebbe notato in località Nocellito la presenza di scavatori probabilmente utilizzati per le ricerche. Qualche indiscrezione collegherebbe la presenza dei militari al ritrovamento di droga. Ipotesi quest’ultima meno attendibile. Solo nelle prossime ore tutte le notizie trapelate potranno essere confermate quando i militari lasceranno Cannalonga e chiuderanno il cerchio sulle indagini in corso.FONTE RETESETTE.TV

RUTINO,PARLA IL SINDACO IMMERSO A POCHI GIORNI DELLA SENTENZA DEL TAR: “STO SUBENDO TROPPI TORTI”,DURO ATTACCO A ROTOLO: “NON VINCE NEMMENO DA SOLO”

Il sindaco Immerso,in basso Rotolo troppe volte sconfitto a Rutino e ora ci prova ancora

Attesa importante alla vigilia del pronunciamento del Tar rispetto alla sentenza di decadimento del sindaco Gerardo Immerso eletto a Giugno scorso e rimosso in estate per effetto della legge Severino.Rutino è un piccolo centro in provincia di Salerno che a seguito di scioglimento, l’11 giugno 2017 è chiamato a votare per il rinnovo del consiglio comunale; nel corso delle amministrative del 5 giugno 2016 le elezioni erano state vinte da una lista civica con Gerardo Immerso candidato sindaco; a distanza di 3 mesi dal voto la prefettura, in ottemperanza delle disposizioni previste dalla cosiddetta legge Severino, lo ha dichiarato incandidabile perché condannato in appello per ricettazione; suddetta condanna era stata emessa il 14 novembre del 2012 e poi passata in giudicato il 28 gennaio del 2013; con la sospensione dal ruolo di sindaco il comune è stato retto dal vicesindaco; il primo cittadino decaduto ha fin da subito dichiarato di non essere a conoscenza della condanna a lui ascritta in quanto il tribunale non gli ha mai notificato la sentenza e per questa ragione non si sarebbe difeso ricorrendo in Cassazione per il terzo grado di giudizio; così la corte d’appello di Napoli ha ammesso che mancano le prove dell’avvenuta notifica, in quanto secondo gli organi di giustizia competenti, anche con il supporto di Poste Italiane, non vi sarebbero le prove che lo accertino; questo elemento comporta che per l’imputato si sono riaperti i termini temporali per proporre ricorso alla Corte di Cassazione;la conseguenza politica di questa complessa vicenda è che Immerso era a tutti gli effetti candidabile e quindi non avrebbero dovuto avere luogo né la sospensione e né il successivo scioglimento.Immerso non ha mai smesso quella fascia tricolore perchè gli tocca e in paese tutti sanno che è dalla parte della ragione(a quanto pare lo sa anche la legge).Immerso aggiunge: “I controlli alla presentazione delle liste sono stati fatti e come, in realtà il certificato penale del Tribunale di Vallo della Lucania, era nullo poiché non era stato aggiornato, in realtà risultava solo nei carichi pendenti.Si sappia che la banca dati e diversa per ogni singolo tribunale, ciò significa che io avrei potuto sapere della condanna, solo richiedendo un certificato penale a Napoli. Chiaramente la commissione elettorale presso il tribunale di riferimento eseguendo i dovuti controlli non ha, e non poteva trovare niente. Invece solo successivamente, qualcuno si è preoccupato di far inserire la sentenza, con il passaggio in giudicato alla data del 28.01.2013. La situazione è stata ovviamente stravolta con l’ordinanza della sesta sezione della corte di appello di Napoli, ove si è affermato che la sentenza n.5063/2012 è stata erroneamente dichiarata irrevocabile, rimettendo nei termini lo scrivente per proporre ricorso in Cassazione. Voglio solo aggiungere un ultima cosa, a riscontro della verità, cioè che se la sentenza di condanna fosse risultata prima, anche la carica da consigliere/vicesindaco ricoperta dal 06/2011 al 06/2016 era illegittima.”Una situazione incresciosa e che ha fatto perdere molto tempo alla coalizione guidata da Immerso e che ha frenato il programma del sindaco anche se l’amministrazione è stata guidata da Michele Ferraro e ora addirittura sono state indette altre elezioni con un’altra querelle che in paese sta tenendo banco quella relativa alla candidatura dei Rotolo.Giuseppe Rotolo già sconfitto  tre volte,due da candidato sindaco e una da consigliere(il paese di fatto lo respinge politicamente) ha ammesso in una dichiarazione alla stampa di aver trovato il modo per evitare il quorum (945 aventi diritto al voto e 845 residenti) facendo candidare a  sindaco il figlio con una lista di giovani (esperienza come palestra politica) ma Immerso a proposito dice: “Dal mio punto di vista è uno stratagemma per fare il sindaco altrimenti non sarebbe mai stato eletto come dimostrano i risultati passati e lui sa bene che il quorum non si raggiungeva e sarebbe arrivato il commissario”.Per Immerso nemmeno da solo ce l’avrebbe fatta.Una condizione politica che deve far riflette Rotolo perchè se i numeri gli hanno dato sempre torto deve pur farlo riflettere una volta per tutte.Immerso va giù duro contro Rotolo padre e afferma: “Se Rotolo pensava di essere nel giusto perchè non si è costituito lui con la sua lista nel ricorso al Tar ma si è servito di uno che non ha nulla da perdere?” L’affondo del sindaco sospeso colpisce nel cuore l’intera vicenda e pone più di un interrogativo.Mentre in paese,dopo le dichiarazione di Rotolo padre alla stampa, ad essere preso di mira politicamente è il figlio Davide al quale l’opinione pubblica non perdona il ruolo pur legittimo che ha in questa vicenda.E forse alla fine al di la della politica che,si sa,porta sempre a scontri e a contrapposizioni a perdere è proprio il figlio Davide e i motivi sono sotto gli occhi di tutti.Sergio Vessicchio

AGROPOLI,DOPPIO FURTO IN POCHI METRI

AGROPOLI. Doppio furto la scorsa notte ad Agropoli. Una lavanderia ed un parrucchiere sono state svaligiate. I ladri,avrebbero portato via l’incasso dalla lavanderia (diverse centinaia di euro) scappando via nel secondo caso per paura di essere scoperti. Continua l’allarme furti, carabinieri al lavoro per risalire ai responsabili.

PERSANO,SI FERISCONO DUE MILITARI DURANTE LE ESERCITAZIONI

Due militari della caserma di Persano (Serre) si feriscono nel corso di un’esercitazione. Entrambi sono stati colpiti dalle schegge di una bomba a mano esplosa a pochi metri di distanza da loro. Si tratta di un 40enne di Terzigno (Na) e un 41enne di Marigliano (Na), che, in pochi minuti, sono stati trasportati e ricoverati presso l’ ospedale di Eboli per le cure mediche del caso.Sembra che a causare lo scoppio dell’ordigno sia stato lo sgancio repentino della linguetta di sicurezza, ma potrebbe trattarsi anche di un difetto di fabbricazione.

 

SALERNO E BATTIPAGLIA CAMBIO IN QUESTURA

BATTIPAGLIA/SALERNO. Cambio negli uffici della Questura sia a Battipaglia che a Salerno. Sarà una donna, Immacolata Acconcia, a dirigere il commissariato di Battipaglia. Dopo 14 anni tra volanti, Digos e uffici, la Acconcia dirigerà il commissariato battipagliese. Di conseguenza, al vice Questore Antonio Maione è stata affidata la dirigenza del commissariato di Salerno, sezione Torrione.

CAPACCIO-PAESTUM, AL VIA LE DOMENICHE IN SALUTE

L’Associazione “La resilienza onlus Capaccio-Paestum” è lieta di invitare la cittadinanza tutta a: “Le domeniche in SALUTE”. Le visite per la prevenzione si effettueranno il:

  • 21 Maggio: Visite Senologiche – Dr. Gerardo Siano
    Bionatura: scienza e natura in acqua da bere
  • 28 Maggio: Visite Dermatologiche – Dr. Antonio Di Bartolomeo
    Visite Odontoiatriche – Dr. Luigi Pesce
  • 4 Giugno: Visite Ginecologiche – Dr.essa Rosetta Cannalonga
    Visite alla Tiroide – Dr. Gerardo D’Amato
  • 11 Giugno: Visite Urologiche – Dr.essa Paola Arcangeli
    Nutrizionista – Dr.essa Marialuisa Marsico

AGROPOLI,11 GIUGNO ORE 13,22 LA PRIMA FERMATA DEL FRECCIAROSSA IL SINDACO ALFIERI: “E’ UNA CONQUISTA DI DIGNITA’ E CIVILTA'”ALLE 15,41 IL RITORNO PER MILANO

 «Da domenica 11 giugno l’Alta Velocità arriva ad Agropoli. Alle ore 13.22 è prevista la prima sosta del Freccia Rossa proveniente da Milano. Il ritorno per il capoluogo lombardo è alle 15.41. Il servizio sarà attivo ogni sabato e domenica fino al 16 settembre e collegherà la stazione di Agropoli alle principali città italiane». Ad annunciarlo il sindaco di Agropoli, Franco Alfieri.«La buona politica, quella della concretezza, che trasforma gli impegni in fatti, continua a dare risposte alla città di Agropoli e al Cilento – afferma il sindaco Franco Alfieri – Grazie alla Regione Campania con il presidente De Luca, i collegamenti e i trasporti nel corso dell’estate saranno potenziati. E, finalmente, un treno Freccia Rossa per la prima volta nella storia farà scalo nella nostra stazione. Un servizio di eccellenza, che permetterà a tanti turisti di poter raggiungere con maggiore comodità e facilità il nostro territorio. Sarà tra l’altro anche una preziosa occasione di promozione turistica, perché Agropoli sarà pubblicizzata sui principali canali di Trenitalia. E’ questo un traguardo importante che, unito alla conferma del Metrò del Mare per i prossimi quattro anni e alla riapertura della Cilentana, in un’ottica di sistema intermodale dei trasporti, garantirà al Cilento di proporsi con maggiore forza nei circuiti turistici e migliorare la qualità della proposta estiva con servizi efficienti».

AGROPOLI,TRAPPOLA SALTATA IL CANDIDATO SINDACO ADAMO COPPOLA ANNIENTA GLI AVVERSARI IN UN CONFRONTO A TRE MA IL CLIMA RESTA TESO

Fallisce la trappola tesa dal movimento 5 stelle Sotto forma di confronto tra i candidati a sindaco organizzato dall’associazione operatori turistici agropolesi il cui presidente è il  marito della candidata del movimento 5 stelle la solita Simona Mazzeo già presentatasi 2 volte a Castellabate e in entrambi i casi è stata trombata non essendo stata eletta e l’anno scorso in una lista appoggiata da Franco Alfieri quindi non di ispirazione grillina.Avevano organizzato l’incontro-trappola tra i candidati per cercare di trascinare Adamo Coppola in polemica e innervosirlo.L’associazione operatori turistici deve fare altro non queste cose altrimenti togliessero mano.   Durante il corso del confronto  Coppola non ha risposto a nessuna delle continue provocazioni,molti sono stati i momenti di tensione che i sostenitori della lista dei 5 stelle hanno tentato di agitare subito neutralizzati dallo stesso Coppola il quale ha sciorinato una verve e un eloquio straordinari  con i quali è riuscito a spiegare tutto bene e a prospettare il suo disegno turistico per Agropoli. Gli avevano confezionato il pacco al futuro sindaco di Agropoli ma sono rimasti delusi anche perchè ad un certo punto i vigili urbani  e i sostenitori di Coppola hanno preso in mano la situazione ed hanno neutralizzato i rissaioli pronti a scatenare lo stesso sistema che usano sui social. Consolato Caccamo candidato grillino  è andato molto in difficoltà essendo politicamente uno sprovveduto e non ha saputo spiegare cosa ha intenzione di fare proprio come l’altra sera quando venne Di Maio ma li forse era emozionato,Agostino Abate ha mantenuto i toni bassi e garbati come tutta la campagna elettorale che sta facendo esponendo le sue idee e i suoi programmi anche lui in evidente imbarazzo per il fatto che è stato uno degli interpreti più fedeli dell’alfierismo in città.Adamo Coppola è stato bravo a districarsi in questa trappola politica da mettere poi sui social e far vedere a modo loro.Il clima di odio che i 5 stelle e alcuni gruppi di sostegno ad Abate stanno agitando in questa campagna elettorale potrebbe anche degenerare.Attacchi a persone,parenti dei candidati,amici e anche sostenitori da parte di alcuni attivisti grillini non sono però passati inosservati e le segnalazioni arrivate alla caserma dei carabinieri hanno prodotto un interessamento da parte delle forze dell’ordine i quali hanno messo sotto controllo una serie di profili facebook e di gruppi dello stesso social.Sarebbe auspicabile che i candidati espongono i loro programmi e le loro intenzioni per la città senza buttare veleno anche se ci rendiamo conto che soprattutto i 5 stelle adottano un atteggiamento da caciara perchè sono nati per questo e infatti falliscono ovunque amministrano.L’appello è al candidato Caccamo,pur sempre un candidato sindaco e quindi la logica vuole che tenga un atteggiamento meno provocatorio e più costruttivo e di coordinare al meglio non tanto i candidati,che a parte qualcuno ben noto alle procure e alle caserme, sembrano sereni e costruttivi nei quali molti si distinguono per signorilità,ma quella gentaglia che si dichiara attivista e che interagisce con lui e non solo sui social.Consolato Caccamo ha questa responsabilità e non si tratta di una cosa da poco,dimostri di essere maturo. Sulla vicenda dei ragazzi di colore Consolato  voleva provocare ma ha rimediato  una di quelle figuracce mastodontiche da far rabbrividire,ride tutta la rete perchè espressamente ha fatto vedere di non sapere i regolamenti legislativi e quindi come fa  fare il sindaco,ma ora dimostri di saper almeno tenere a bada quella gentaglia e forse qualche voto lo recupera.Sergio Vessicchio

SALERNO,AUTO SI RIBALTA SUL LUNGOMARE NESSUN FERITO MA TANTA PAURA

Pauroso incidente questo pomeriggio a Salerno sul lungomare Tafuri  di fronte la piscina comunale ,dove per cause ancora in corso di accertamento un auto in seguito ad un testacoda si è ribaltata.all’altezza del Forte La Carnale. Due auto si sono scontrate e una di queste, una Opel Zafira ed una Fiat Panda bianca dell’Istituto di Vigilanza Guardian che si è ribaltata sul manto stradale. Fortunatamente non vi sono feriti, Sul posto immediato l’intervento degli uomini del comando dei Vigili Urbani e dei Vigili del Fuoco oltre che di un’ambulanza. Traffico in tilt lungo le due direzioni.

A breve aggiornamenti