POLITICA

BATTIPAGLIA,CLAMOROSO BRUNO(PD)VA IN GIUNTA,L’AMMINISTRAZIONE SVOLTA A SINISTRA

POLITICA IN FERMENTO DOPO LE ULTIME (SCELLERATE) DECISIONI. CALIGOLA HA FATTO SCUOLA: DAL CAVALLO A DAVIDE BRUNO UNA SCELTA CHE SCUOTE L’AMBIENTE. AMMINISTRAZIONE DI SINISTRA

Cecilia Francese sindaco di Battipaglia e il suo compagno Gerardo Rosania esponente di sinistra

BATTIPAGLIA: A nessuno è piaciuta l’ultima scelta attuata ed adottata dal sindaco Cecilia Rosania. L’annoverare tra i banchi della giunta, l’ex segretario del PD Davide Bruno  è stata per i consiglieri tutti, una iattura. Lo stesso, infatti, in tempi non sospetti, aveva avuto modo e più volte ed a più riprese, di criticare il comportamento politico del primo cittadino, a seguito di alcune scelte, che la avevano portata ad un equilibrio instatico in funzione delle sue “scellerate scelte”. Era proprio il tempo della campagna elettorale del 2016, quando lo stesso Davide Bruno, sosteneva, con Mirra & C, quella candidatura dello scomparso e rimpianto Dott Enrico Lanaro; di quell’area di sinistra, che trovava suffragio anche nel sostegno dell’ex Sindaco Santomauro, e soprattutto di tutta un’area, che a più riprese, dai palchi, nelle conferenze stampa, sostenevano e ripetevano l’alto diniego, non tanto politico, nei confronti delle liste civiche dell’attuale Sindaco. Un dissenso non solo politico, ma a volte,  sfociava spesso, in quelle incapacità di riflessione sul gestire la macchina comunale.

Anche in questi ultimi tempi, lo stesso Bruno, oggi assessore, ha lasciato l’ambiente politico nello stupore totale. La coerenza è il mantenimento delle proprie idee. O altrimenti se si cambia, vuol dire che quelle idee non valevano niente, o magari non erano buone le idee. Ora, il ragionamento scorre logico: A che serve avere tra i banchi della giunta, una nuova componente, che in tempi non sospetti, additava di incapacità politiche e di riflessione l’attuale primo cittadino? Cosa è cambiato? Strategie? Occasioni di uno stipendio maggiore? Occasioni di visibilità? Di cosa è figlia questa scelta? E la posizione del consigliere Pino Bovi che aveva sempre posto il veto su questa scelta? Sta di fatto che a Battipaglia, la confusione regna totale. Non vi è una maggioranza, non vi è una opposizione. Esiste un corpo politico, finalizzato ai propri incarichi ed ai propri interessi. A  nulla valgono anche le proteste dell’ex vice sindaco Tozzi, che aveva abbracciato in una scelta  determinante, quel sostegno alla cosiddetta ETICA, oggi etichetta, al fine di portare in auge un progetto, fallito nel giorno stesso del suo insediamento.  Cosa cambierà con il nuovo Caligola? Nulla. Ma proprio nulla, anche se qualche consigliere di opposizione, proveniente dall’area dell’ex PD, avrebbe intenzione di presentare ufficiale richiesta di estromissione del primo cittadino e di ritornare ad un commissariamento, (e quindi alle votazioni) che francamente costerebbe molti di meno.

Milioni di euro spesi e gettati al vento, con una macchina comunale, che poco funziona. La sinistra politica locale, e non solo, ha occupato i banchi dell’assise. Quella pseudo presunta destra di ex componenti l’area del vecchio MSI, che sguazzano giocosi in questi ambienti a loro estranei. Ma forse erano consapevoli di essere ectoplasmi e bene calzava loro qualunque posizione. Pur di rastrellare un solo euro e di mangiare. Tragico. Molto. Cosa rappresenta allora, questa nuova strategia  se non lo sguardo alle future elezioni regionali? E chissà chi sarà il beneficiario di queste scelte. Nel frattempo, incalzano le elezioni alla provincia. Battipaglia ne presenta 4. Qui scatta una risata, scusatemi. Quali sono le credenziali per poter ottenere lo scranno a palazzo S. Agostino? A parte Sagarese, che si muove autonomamente, bisogna comprendere quali saranno le spartizioni all’interno dei gruppi consiliari. Ma come sempre, questa città, rimarrà al palo. E ci auguriamo di no.Giovanni Coscia

WWW.CANALECINQUETV.IT

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.