POLITICA

BERLUSCONI RIABILITATO ORA SI PUO’ CANDIDARE

Venerdì pomeriggio il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha accolto la richiesta di riabilitazione presentata del leader di Forza Italia Silvio Berlusconi a inizio marzo, rendendolo di nuovo candidabile in politica a effetto immediato. Il Tribunale ha di fatto cancellato gli effetti della legge Severino, che in seguito alla sua condanna per del 2013 lo aveva interdetto ai pubblici uffici fino all’estate del 2019.

Ora la Procura di Milano può fare ricorso in Cassazione, chiedendo che la riabilitazione a Berlusconi venga revocata. Intanto, la riabilitazione di Berlusconi è già effettiva, e quindi potenzialmente potrebbe candidarsi a nuove elezioni. La domanda che molti si stanno facendo è come influirà questa novità sul comportamento di Berlusconi nei confronti delle trattative in corso tra Lega e Movimento 5 Stelle per formare un governo, al quale Forza Italia aveva concesso una “benevolenza critica”. Se effettivamente verrà formato, potrebbe perlomeno allontanare la data delle elezioni, che invece avrebbero potuto tenersi già in estate o in autunno, e alle quali Berlusconi a questo punto si sarebbe potuto candidare.

La decisione, presa dalla camera di consiglio del Tribunale, è arrivata con un mese di anticipo rispetto al previsto, ed è stata piuttosto inaspettata: quando due mesi fa gli avvocati di Berlusconi Niccolò Ghedini e Franco Coppi avevano presentato la richiesta, l’attenzione ricevuta dai media era stata relativamente marginale. La richiesta di riabilitazione era stata presentata il 12 marzo, cioè quattro giorni dopo la scadenza dei tre anni da quando Berlusconi aveva terminato i suoi servizi sociali, svolti in una casa di riposo di Cesano Boscone, a sud di Milano, fino all’8 marzo 2015.

L’articolo 179 del codice penale prevede che un condannato possa chiedere la riabilitazione tre anni dopo aver scontato la pena, nel caso in cui abbia «adempiuto le obbligazioni civili derivanti dal reato» e «dato prove effettive e costanti di buona condotta». La riabilitazione «estingue le pene accessorie ed ogni altro effetto penale della condanna», e nel caso di Berlusconi comporta quindi la decadenza degli effetti della legge Severino, che impedisce ai condannati in via definitiva di ricoprire incarichi pubblici per sei anni. La scadenza dell’interdizione sarebbe arrivata nell’agosto del 2019.

Inizialmente circolavano alcuni dubbi sulla concessione della riabilitazione per la questione della buona condotta. Attualmente sono in corso diversi processi a suo carico: un filone di uno di questi, il cosiddetto “Ruby ter”, ipotizza il reato di corruzione di testimoni nel novembre del 2016, cioè nel periodo durante il quale dovrebbe essere giudicata la condotta di Berlusconi. Ma secondo precedenti sentenze della Cassazione, perché sia preso in considerazione nella decisione sulla concessione della riabilitazione un processo dovrebbe essere arrivato almeno al primo grado di giudizio, e nel caso del Ruby ter non succederà a breve.

Berlusconi aveva provato anche altre strade per poter tornare candidabile: il suo primo tentativo era stato il ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo, che però ha tardato a esprimersi sul suo caso. Non ci sono previsioni su quando possa arrivare la sentenza, ma ci sono molti scetticismi sulla possibilità che possa dargli ragione.

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.