EDITORIALE POLITICA

CAPACCIO PAESTUM PASQUALE QUAGLIA: “TORNO IN POLITICA”

Sono stato nelle istituzioni locali ( comune e consorzio di bonifica) in momenti in cui la politica e non una generica appartenenza civica rappresentava il collante delle nostre attività: c’era un ferreo vincolo di appartenenza, che tratteneva anche gli spiriti più egoistici.Oggi le liste civiche hanno allentato questi vincoli: ognuno per se!Bisogna tornare alla politica, anche perché la politica, praticata o patita , e il destino obbligato di ogni uomo.Ma oggi viviamo in un contesto sociale che ha generato una classe dirigente inadeguata ed una politica egoistica, che sfocia in una democrazia malata.Nel contesto sociale operano elite non meritocratica che si autoperpetuano.Nel contesto politico opera un solo ed esclusivo principio, quello dell’autoreferenzialitá .L’esito nefasto e una democrazia incerta e confusa, non più in grado di assicurare l’ordinato svolgimento delle attività istituzionali.

La comprova di questa situazione deteriorata e data dalle ricorrenti crisi amministrative , in cui ognuno ha una sola stella polare, il proprio vantaggio personale.Non che questo non debba esserci, ma, per il passato, si è sempre anche sposato con gli interessi generali della nostra comunità: adesso ė unico ed esclusivo.Le liste civiche, a livello amministrativo locale hanno prodotto il mostro del autoreferenzialitá: quel che è bene per me, deve essere bene per tutti.Bisogna ritornare alle appartenenze politiche,che rappresentino gli interessi generali, gli interessi cioè dei cittadini tutti.Bisogna organizzarsi in raggruppamenti omogenei con un “distintivo politico” chiaro e aperto sui problemi della nostra collettività. Non basta la civicitå ci vuole la politica.Pasquale Quaglia

WWW.CANALECINQUETV.IT

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.